Il funzionario massone avvisava il mafioso: "Hai le cimici della Dia in farmacia"

Lucio Lutri sapeva che Angelo Lauria era sotto controllo e cercò di metterlo in guardia, stesso "avviso" per l'ovile di Girolamo Casa

Il funzionario della Regione, Lucio Lutri, molto bene inserito negli ambienti della massoneria, essendo “maestro venerabile”, era stato informato dalla sua “talpa” che la farmacia di Angelo Lauria e l’ovile di Girolamo Casa erano intercettati con le microspie. Quello che non sapeva, però, è che era sotto controllo pure lui mentre avvisava i presunti affiliati della cosca mafiosa di Licata.

“Il 28 ottobre del 2016 - si legge negli atti dell’inchiesta - veniva intercettato un dialogo tra Giovanni Mugnos e Lucio Lutri nel corso del quale, per quanto qui di interesse, emergeva che Lutri informava Mugnos di avere appreso che erano state installate delle microspie nella farmacia di Angelo Lauria, il quale pertanto avrebbe dovuto usare particolare cautela, astenendosi dal parlare al telefono e preferendo incontri di presenza (“vai da Angelo e gli devi dire che quando deve parlare con noi ... quando lui vuole parlare con me ... si prende la macchina e si fa un’oretta..perchè sarà da giorno 5 che lui ha le microspie ... ma non perché Angelo Lauria ... ah ... è il suo nome anche a livello di DIA ... è qua ... però c'è un passato”)”.

Invito alla prudenza per il farmacista Angelo Lauria ma non solo. “Analoga trasmissione di informazioni - aggiungono i pm Geri Ferrara e Claudio Camilleri che hanno firmato il provvedimento di fermo - Mugnos confessava di averla fatta anche in favore di Casa. Mugnos affermava infatti di avere saputo da Lutri della esistenza di attività tecniche in atto nei pressi dell’ovile di Casa e, in relazione a ciò, si lamentava del comportamento di “quello” (Casa) che, pure invitato a non parlare nemmeno in mezzo alla campagna in quanto disseminata di microspie, non credendo a quanto dettogli non adottava le opportune cautele (“...Cioè ... sono diventato … cioè ... l'asilo mi sono aperto? Tutti bambini sono diventati? Quello... quello gli dico... vedi che qua non devi parlare che qua in mezzo alle pietre cattive ci sono ...mandarini seminati... dice... ‘non può essere ...’”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento