Mafia, la maxi inchiesta "Montagna": ultime arringhe prima del verdetto

I difensori di Antonino Vizzì: "Impensabile che sia stato il capo della famiglia di Raffadali"

“Si fa davvero fatica a credere che Antonino Vizzì possa essere stato non solo mafioso ma addirittura il capo della famiglia di Raffadali. Stiamo parlando di un uomo che per oltre mezzo secolo è rimasto incensurato e addirittura gli è stato pure dato il porto di armi”.

Ultime arringhe al processo scaturito dalla maxi inchiesta “Montagna” che il 22 gennaio dell’anno scorso avrebbe azzerato il nuovo organigramma mafioso di gran parte della provincia di Agrigento. Questa mattina, fra gli altri, hanno illustrato le loro arringhe gli avvocati Giovanni Castronovo e Salvatore Salvago, chiedendo l’assoluzione del raffadalese, 54 anni, ritenuto il capo della famiglia mafiosa del suo paese, nei cui confronti i pm della Dda Alessia Sinatra e Claudio Camilleri hanno chiesto la condanna a 20 anni di reclusione. Il 25 luglio è in programma la sentenza. 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento