Assegni per 75mila euro spendendo il nome del boss, parte processo per estorsione a sei imputati

Nel mirino, fra gli altri, un meccanico che sarebbe stato costretto a dargli i titoli di credito dopo essere stato minacciato di morte

Da sinistra Lampasona e Mangione

Assegni in bianco, o già compilati e pronti all’incasso, con la minaccia di sapere “tutto della famiglia” e di chi fosse figlio, con la puntualizzazione che il suo nome era stato fatto dal boss Salvatore Fragapane. Doveva entrare nel vivo ieri mattina, con l’audizione delle presunte vittime delle estorsioni, invece c’è stato un rinvio perché uno dei componenti del collegio, il giudice Gianfranca Claudia Infantino, è stata trasferita a un altro ufficio. Il dibattimento dovrebbe iniziare il 23 settembre.

Sul banco degli imputati sei persone, due delle quali, negli anni scorsi, erano imputate al processo scaturito dalla maxi inchiesta antimafia “Nuova Cupola”. Si tratta di Antonino Mangione, 38 anni, di Raffadali, Roberto Lampasona, 42 anni, di Santa Elisabetta; Domenico Mangione, 62 anni, di Raffadali; Concetto Giuseppe Errigo, 55 anni, di Comiso, Girolamo Campione, 41 anni, di Burgio, e Maurizio Marretta, 41 anni, di Santo Stefano. Lampasona e Mangione, secondo l’accusa, avrebbero speso il nome del vecchio capomafia ergastolano per intimidire un meccanico di San Biagio Platani e farsi consegnare assegni in bianco che poi fruttarono circa 60 mila euro. I due imputati, vecchie conoscenze degli inquirenti per vari reati, anche di mafia avrebbero commesso un’altra estorsione, nel maggio del 2010, un mese dopo la prima, nei confronti di un conoscente dal quale si sarebbero fatti consegnare assegni per 17 mila euro.

Mangione e Lampasona, in particolare, sono accusati di due episodi di estorsione. Il primo ai danni del meccanico che avrebbero intimidito partendo dal presupposto che, a loro dire, lo avevano aiutato a riscuotere un premio bancario. “Non pensare che questi favori li facciamo a tutti, fai quello che ti diciamo altrimenti arriva la fossa”. In questo modo il meccanico si sarebbe convinto a consegnare degli assegni in bianco firmati che poi sono stati posti all’incasso per un importo di 60 mila euro. Nella seconda circostanza avrebbe agito il solo Mangione, facendo leva sulla conoscenza con Lampasona, forte del suo presunto spessore criminale, e si sarebbe fatto consegnare assegni per 17 mila euro. Gli altri imputati sono accusati di ricettazione perché avrebbero utilizzato gli assegni provento delle estorsioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento