L'inchiesta sull'arsenale occultato, anche il boss Massimino fa scena muta

Dieci giorni prima il nipote si era avvalso della facoltà di non rispondere, le armi erano "pronte a sparare"

Antonio Massimino, nel riquadro le armi

Il capomafia fa scena muta e non risponde al pm. Dopo gli accertamenti sulle armi sequestrate al boss Antonio Massimino e al nipote Gerlando, risultate “perfettamente funzionanti e in grado di essere usate in qualsiasi momento”, la Procura ha provato a fare un ulteriore passo avanti prima di fare approdare l’inchiesta in aula per il processo.

Lo scorso 2 luglio il più giovane degli indagati, detenuto nel carcere di contrada Petrusa, convocato dal pm Gloria Andreoli, si era avvalso della facoltà di non rispondere. Ieri, nel carcere di Terni, assistito dall’avvocato Alfonso Neri, suo difensore insieme al collega Salvatore Pennica, è toccato ad Antonio Massimino presentarsi nella sala interrogatori ma la strategia difensiva è stata identica.

Nelle scorse settimane, invece, sono stati eseguiti degli accertamenti, disposti dal pm che ha fatto eseguire una consulenza tecnica “per il prelievo di eventuale Dna presente sulle armi e sulle munizioni sequestrate, l’evidenziazione di eventuali impronte papillari e lo svolgimento di accertamenti balistici”. Con gli interrogatori la Procura ha tentato di fare un passo in avanti nell’inchiesta che, invece, non c’è stato. 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento