"Braccio destro del boss? Macchè, era mio suocero": imprenditore prova a convincere i pm

Raimondo Semprevivo, 47 anni, dopo l'avviso di conclusione delle indagini ha chiesto di essere interrogato: "Con Angelo Occhipinti solo rapporti familiari"

Raimondo Semprevivo

"Con Angelo Occhipinti c'erano solo rapporti di natura familiare, è stato mio suocero per tanti anni ma non abbiamo mai avuto interessi in comune". L'imprenditore edile Raimondo Semprevivo, 47 anni, arrestato nelle due operazioni "Assedio" e "Halycon", scattate fra luglio e agosto scorsi, peraltro riunite in vista di un unico processo, prova a convincere la Dda a non chiedere il suo rinvio a giudizio per le accuse di estorsione aggravata e associazione mafiosa.

Questa mattina, in remoto dal carcere di Benevento, dove è detenuto, è stato interrogato, assistito dai suoi difensori Angela Porcello e Giovanni Castronovo, dal pubblico ministero Claudio Camilleri che, nelle scorse settimane, gli ha fatto notificare, insieme ad altre venti persone, l'avviso di conclusione delle indagini. Semprevivo, la prima volta, è stato arrestato per l'accusa di estorsione. L'imprenditore, in particolare, nel 2018, aveva un credito di 10.000 euro nei confronti di un altro costruttore alle cui dipendenze aveva lavorato, in Germania, senza essere retribuito. Per ottenere i soldi avrebbe fatto, quindi, intervenire il capomafia Angelo Occhipinti. I carabinieri documentano un incontro, filmato con le telecamere nascoste, che produce un accordo, utile solo in parte: l'imprenditore, infatti, gli dà solo la metà dei soldi richiesti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A parte che la mediazione ha portato solo a incassare la metà del mio credito - ha spiegato al pm -, in ogni caso è stata mia moglie a parlargliene a Occhipinti in un contesto di discussioni familiari e non certo per altri motivi". Nella seconda operazione, si contesta a Semprevivo l'accusa di associazione mafiosa: questo perché, dagli sviluppi della prima indagine, sarebbe emerso il ruolo di vero e proprio braccio destro dello stesso Occhipinti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Palma sotto choc per la morte di Marchese, il sindaco: "Siamo sgomenti per il brutale omicidio"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento