Mafia, la maxi operazione "Exidus": annullata ordinanza di arresto di imprenditore

Giuseppe Incorvaia

I giudici del tribunale del Riesame di Caltanissetta, accogliendo il ricorso dell’avvocato Giacomo Ventura, hanno annullato l’ordinanza cautelare nei confronti di Giuseppe Incorvaia, imprenditore licatese di 73 anni.

Incorvaia è finito in manette il 19 settembre scorso a seguito nel corso dell’operazione antimafia “Exidus” . Quattro le misure cautelari in carcere che hanno raggiunto altrettante persone coinvolte nelle indagini.

Per gli inquirenti la parola “olio”, usata nelle conversazioni intercettate fra Incorvaia e l’avvocato di un boss mafioso di Gela, Grazio Ferrara, anch'egli arrestato nel blitz, altro non era che una “parola criptica” allusiva a dinamiche mafiose”.

La difesa è stata incentrata sulla circostanza che la parola “olio”, ricorrente nelle intercettazioni non alludeva a nulla perchè Incorvaia stava trattando la vendita di olio extravergine di oliva. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento