Sorveglianza speciale per Domenico Terrasi di Cattolica Eraclea

Il provvedimento del tribunale di Agrigento è stato notificato lo scorso venerdì dalla divisione Anticrimine della Questura

Un momento della conferenza stampa dell'operazione antimafia "Minoa"

Sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno, per tre anni. E' il provvedimento del tribunale di Agrigento, notificato lo scorso venerdì, dalla divisione Anticrimine della Questura a Domenico Terrasi, 73 anni, di Cattolica Eraclea. Un provvedimento applicato "in quanto ritenuto esponente di spicco dell’associazione mafiosa cattolicese" - scrive la Questura di Agrigento.

Terrasi, al momento, è recluso. Nel 2014, la Corte di Cassazione, dopo il ricorso straordinario motivato da "un errore materiale o di fatto", ha confermato la condanna a 10 anni ed 8 mesi, in continuazione con quella subita nel processo "Akragas".

Terrasi era stato arrestato, nell'ambito dell'operazione antimafia denominata "Minoa", il 27 novembre del 2009, in quanto ritenuto capo mafia di Cattolica Eraclea. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • "Sparano sulla slot machine e rapinano il bar": arrestato un 33enne

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento