Blitz Kerkent, le intercettazioni: "Massimino ossessionato dalle armi"

Il gip: "Sono state funzionali al conseguimento degli obiettivi criminali, principali e secondari, dell’associazione, specie per risolvere dissidi e commettere danneggiamenti a seguito di incendio, commercio di stupefacenti, tentativi di estorsioni, intimidazioni"

Al centro, Antonio Massimino

All’inizio dello scorso febbraio venne arrestato, assieme al nipote ventiseienne Gerlando, perché trovato in possesso – durante un blitz dei carabinieri al Villaggio Mosè - di una semiautomatica, calibro 7,65, con matricola totalmente abrasa e caricatore, con sei cartucce, inserite; due “penne-pistola” calibro 6,35, circa 200 cartucce e un rilevatore di presenze. Durante l’inchiesta Kerkent, secondo quanto emerge dalle pagine dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip Walter Turturici del tribunale di Palermo, Antonio Massimino – ritenuto il reggente della famiglia mafiosa di Agrigento-Villaseta viene definito nelle intercettazioni, da uno dei suoi principali collaboratori, come “un appassionato, un ossessionato di armi”.

Maxi inchiesta Kerkent, tutti muti davanti al Gip 

“Le articolate attività di indagine espletate hanno dimostrato con certezza la disponibilità di armi da parte dell’illecito sodalizio capeggiato da Antonio Massimino – scrive il giudice per le indagini preliminari - . Ha assunto caratteri di massima offensività e, più in genere, di pericolosità per la sicurezza pubblica la disponibilità di armi da parte del gruppo criminale capeggiato da Antonio Massimino. Queste armi sono state funzionali – prosegue il Gip - al conseguimento degli obiettivi criminali, principali e secondari, dell’associazione, specie al fine di risolvere dissidi e commettere svariati delitti quali: danneggiamenti a seguito di incendio, commercio di sostanze stupefacenti, tentativi di estorsioni, intimidazioni ed altro. E’ emerso – prosegue il giudice per le indagini preliminari - in modo chiaro ed inequivocabile che l’associazione illecita monitorata ha riposto grande importanza nell’aspetto logistico dell’armamento, considerato strategico per il raggiungimento e il mantenimento di quel necessario vantaggio competitivo dell’impresa criminale”.

Una "cassa comune" per pagare le spese legali del clan Massimino 

Secondo l’accusa, Antonio Massimino avrebbe “predisposto strutture logistiche e incaricato alcuni suoi correi investendoli di compiti di sorveglianza, alterazione ed efficientamento delle armi. Ha inoltre calendarizzato delle vere e proprie esercitazioni di tiro a cura dei suoi complici, al fine evidente – scrive il Gip del tribunale di Palermo - di avere un gruppo criminale capace di esprimere una elevata potenza di fuoco”.

Cilona: "Massimino a capo del franchising della droga con posizioni monopolistiche"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento