"Presi con un arsenale nascosto in villa", il boss Massimino e il nipote restano in carcere

Il gip convalida l'arresto eseguito dai carabinieri: "Il suo ruolo mafioso lo rende penetrante nel tessuto sociale"

Le armi e le munizioni sequestrate, nel riquadro il boss

"Il suo ruolo mafioso lo rende penetrante nel tessuto sociale, lo stesso può dirsi per il nipote che deve ritenersi la sua longa manus". Il gip Francesco Provenzano, con queste motivazioni, ha convalidato l'arresto e disposto la custodia in carcere nei confronti del boss Antonio Massimino, 50 anni, tornato libero solo da un paio di anni dopo avere scontato la seconda condanna per mafia rimediata nell'operazione "San Calogero", e del nipote Gerlando, 26 anni.

Arrestati il boss Massimino e il nipote

I due, difesi dall'avvocato Salvatore Pennica, sono stati arrestati dai carabinieri martedì sera al termine di un pedinamento. I militari, che poco prima, insieme a una terza persona non identificata, li avevano filmati mentre occulatavano le armi, hanno trovato, nell'abitazione del boss, nei pressi del Villaggio Mosè, una semiautomatica, calibro 7,65, con matricola totalmente abrasa e caricatore, con sei cartucce, due «penne-pistola» calibro 6,35, circa 200 cartucce e un rilevatore di presenze.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Falsificarono verbale per proteggere maresciallo", chiesti 4 rinvii a giudizio

  • Mafia

    "Uscì da casa per portare la figlia in ospedale", sorella del boss assolta dall'accusa di evasione

  • Cronaca

    Accusati di avere truffato procure e tribunali di mezza Sicilia, assolti due imprenditori

  • Cronaca

    Blitz del Nas a Villa Betania, trovate "criticità igienico-sanitarie": il sindaco chiude la struttura

I più letti della settimana

  • Dolce & Gabbana trasformano Palma di Montechiaro in un palcoscenico a cielo aperto

  • Accerchiata e sbranata da un branco di cani, 60enne trasferita al Civico

  • Flebologia, il miglior medico del mondo è l'agrigentino Giovanni Alongi

  • Aggrediti due assessori e bloccata la raccolta, scoppia la "guerra" a Porto Empedocle

  • Trova in casa un immigrato, prova ad allontanarlo e viene minacciato di morte

  • Un complimento di troppo e scoppia la rissa fra 5 persone, carabiniere ferito

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento