Trova cellulare e lo consegna al Comune, finisce a processo per ricettazione: assolto

Il giudice ha scagionato il quarantenne perché "il fatto non costituisce reato"

Trova un cellulare per strada, a Lucca Sicula, lo consegna al Comune e, tramite l’ente, ai carabinieri. Questa la descrizione dei fatti che ha dato Neculai Marin, di 40 anni, romeno, residente a Lucca Sicula. Ha dovuto attendere, però, il processo e la sentenza di assoluzione pronunciata nei suoi confronti dal giudice monocratico del tribunale di Sciacca per vedere riconosciuta la sua innocenza dall’accusa di ricettazione.

I fatti per i quali si è celebrato il processo, al Tribunale di Sciacca, sono relativi al 5 marzo del 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al processo il giudice ha accolto la tesi difensiva, avanzata dall’avvocato Pasquale Danna ed ha assolto Neculai Marin perché il fatto non costituisce reato. Il processo, a seguito della citazione a giudizio da parte della Procura della Repubblica di Sciacca, è stato celebrato dinanzi al giudice monocratico Grazia Scaturro che poi ha emesso la sentenza di assoluzione, accogliendo la tesi difensiva

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento