Cinquantenne accoltellato a San Leone, il ferito non conosce l'aggressore

I carabinieri hanno ascoltato degli agrigentini che sarebbero stati nelle immediate adiacenze del locale. L’obiettivo era uno soltanto: raccogliere quante più indiscrezioni possibili per riuscire ad avere anche un identikit sommario dell’uomo che ha sferrato i fendenti

Qualcuno, ieri, parlava di una rissa. In realtà, davanti ad un noto locale di San Leone, nella notte fra sabato e domenica, vi sarebbe stata una lite. Un concitato alterco a margine del quale un uomo – un cinquantenne romeno – è stato accoltellato. L’uomo è stato subito soccorso e portato all’ospedale San Giovanni di Dio di contrada Consolida dove i medici, dopo averlo sottoposto a tutti i controlli sanitari ritenuti necessari, gli hanno suturato la ferita all’addome che, a quanto pare, non sarebbe stata – e per sua fortuna – molto profonda. Ad intervenire sul posto prima e ad avviare le indagini dopo sono stati i carabinieri. Militari dell’Arma che anche ieri, nonostante fosse una giornata festiva, stavano cercando di chiarire cosa fosse effettivamente accaduto.

Rissa davanti ad un locale della movida? Accoltellato un uomo 

I carabinieri, oggi, acquisiranno il referto dei medici del “San Giovanni di Dio” per stabilire quanti giorni di prognosi siano stati dati al ferito. Il cinquantenne è stato già sentito, in primissima battuta, dagli investigatori che, però, comunque, torneranno ad ascoltarlo anche nelle prossime ore quando, verosimilmente, avrà superato il momento di choc. A quanto pare, così almeno risultava ieri ai carabinieri, il romeno avrebbe riferito – appunto in primissima battuta – di non conoscere affatto la persona che gli ha sferrato forse più fendenti all’addome.

Il ferito – che non è appunto in pericolo di vita – verrà riascoltato anche nelle prossime ore per cercare di capire cosa abbia innescato l’alterco davanti ad un noto locale di San Leone. I militari dell’Arma, già al momento dell’intervento: nella notte fra sabato e domenica, hanno ascoltato anche degli agrigentini che sarebbero stati anche loro nelle immediate adiacenze del locale. L’obiettivo, naturalmente, era uno soltanto: raccogliere quante più indiscrezioni possibili per riuscire ad avere anche un identikit sommario dell’uomo che ha sferrato la coltellata all’addome del cinquantenne e cercare di fare chiarezza sui motivi della lite. Perché l’animata discussione non dovrebbe essere passata inosservata visto che sarebbe stata, inizialmente, composta da urla e spintoni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Il territorio si spopola, la litigiosità uccide i giovani", don Franco tuona: "Troppe false promesse"

  • Cronaca

    "Garantivano documenti e biglietti da viaggio per gli immigrati", 9 gli indagati: due arresti e due ricercati

  • Mafia

    Mafia, la maxi inchiesta "Kerkent": niente messa pasquale per cinque indagati

  • Cronaca

    Il doppio agguato a Palma, dopo 10 mesi indagato libero per lavorare

I più letti della settimana

  • “Compà, hai fumo? Un pezzo quanto costa?”: giovane chiede droga a un carabiniere

  • Era tornato a fare il bancomat: ritrovato il quindicenne scomparso

  • "Carni e pesce in cattivo stato", sequestrato un quintale di merce: denunciato ristoratore

  • "Cardiologo chiamato per un'urgenza investe e uccide pedone", farmacologo lo scagiona

  • Quindicenne scompare nel nulla, avviate le ricerche su tutta la penisola

  • Traffico di cocaina dal Belgio, spunta l'ex capomafia Giuseppe Quaranta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento