Vandali scatenati distruggono i giochi della villa comunale: presentata una denuncia

Il sindaco: "E' mai possibile che all'inizio del terzo secolo non siamo ancora capaci di custodire e valorizzare il nostro patrimonio e, per colpa di pochi, riusciamo a dare sempre una pessima immagine della nostra città?"

Distrutti i giochi sistemati all'interno dell'area attrezzata della villa comunale Regina Elena di Licata. A pezzi, oltre alla casetta ludica utilizzata da tanti piccini, anche la tabella della toponomastica. Amarezza e rabbia nell'amministrazione comunale dopo aver appreso dell'ennesimo atto vandalico perpetrato, nottetempo, da i soliti ignoti. "Si tratta di fatti che ci amareggiano per la totale  assenza di senso civico in alcuni, per fortuna, limitati strati della nostra comunità – sono le parole del sindaco Giuseppe Galanti – . Subito dopo l'accertamento di quanto accaduto ad opera degli addetti alla custodia della villa comunale abbiamo formalizzato una denuncia ai carabinieri che, immediatamente si sono portati sul posto per effettuare il sopralluogo di rito ed avviare le indagini per cercare di individuare gli autori di questo incomprensibile, ingiustificato e inqualificabile atto vandalico. Un episodio, quello registrato stanotte alla villa comunale, che non trova alcuna giustificazione soprattutto se si pensa al fatto che i principali fruitori degli oggetti rotti sono i bambini - ha aggiunto il sindaco - . Purtroppo - ha concliuso Galanti – va anche detto che l'atto vandalico di questa notte non è il primo registrato all'interno della villa comunale. Poco tempo fa, i soliti ignoti hanno sottratto la pompa elettrica che alimenta l'acqua della vasca ubicata nella zona riservata ai bambini; mentre qualche altro si è divertito a danneggiare una panchina collocata lungo corso Umberto. Ma è mai possibile che all'inizio del terzo secolo, non siamo ancora capaci di custodire e valorizzare il nostro patrimonio e, per colpa di pochi, dare sempre una pessima immagine della nostra città che, invece, ha tutti i presupposti per essere valorizzata ed apprezzata da quanti, sempre più vengono a visitarla e ad aiutare l'economia cittadina. Da ciò, anche la richiesta di collaborazione a tutta quanta la società civile licatese perchè sia protagonista dell'opera di salvaguardia e di tutela del patrimonio sia pubblico che privato. Chiaramente spero che gli autori degli atti vandalici vengano individuati e condannati a pagare, per risarcire i danni materiali e d'immagine che, con le loro inaccettabili azioni, danneggiano un'intera comunità". 
  

Amarezza è espressa anche da parte dell'assessore al Verde pubblico Giuseppe Ripellino per quei bambini della media Marconi che, nell'ambito di un progetto di sensibilizzazione alla legalità, hanno presentato al Comune un progetto di ulteriore riqualificazione della villa comunale “Regina Elena” all'interno della quale realizzare un piccolo orto botanico, l'attivazione di un laboratorio didattico e la esecuzione di un più ampio progetto che coinvolga anche bambini con disabilità  e anziani.  

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento