Vandali scatenati distruggono i giochi della villa comunale: presentata una denuncia

Il sindaco: "E' mai possibile che all'inizio del terzo secolo non siamo ancora capaci di custodire e valorizzare il nostro patrimonio e, per colpa di pochi, riusciamo a dare sempre una pessima immagine della nostra città?"

Distrutti i giochi sistemati all'interno dell'area attrezzata della villa comunale Regina Elena di Licata. A pezzi, oltre alla casetta ludica utilizzata da tanti piccini, anche la tabella della toponomastica. Amarezza e rabbia nell'amministrazione comunale dopo aver appreso dell'ennesimo atto vandalico perpetrato, nottetempo, da i soliti ignoti. "Si tratta di fatti che ci amareggiano per la totale  assenza di senso civico in alcuni, per fortuna, limitati strati della nostra comunità – sono le parole del sindaco Giuseppe Galanti – . Subito dopo l'accertamento di quanto accaduto ad opera degli addetti alla custodia della villa comunale abbiamo formalizzato una denuncia ai carabinieri che, immediatamente si sono portati sul posto per effettuare il sopralluogo di rito ed avviare le indagini per cercare di individuare gli autori di questo incomprensibile, ingiustificato e inqualificabile atto vandalico. Un episodio, quello registrato stanotte alla villa comunale, che non trova alcuna giustificazione soprattutto se si pensa al fatto che i principali fruitori degli oggetti rotti sono i bambini - ha aggiunto il sindaco - . Purtroppo - ha concliuso Galanti – va anche detto che l'atto vandalico di questa notte non è il primo registrato all'interno della villa comunale. Poco tempo fa, i soliti ignoti hanno sottratto la pompa elettrica che alimenta l'acqua della vasca ubicata nella zona riservata ai bambini; mentre qualche altro si è divertito a danneggiare una panchina collocata lungo corso Umberto. Ma è mai possibile che all'inizio del terzo secolo, non siamo ancora capaci di custodire e valorizzare il nostro patrimonio e, per colpa di pochi, dare sempre una pessima immagine della nostra città che, invece, ha tutti i presupposti per essere valorizzata ed apprezzata da quanti, sempre più vengono a visitarla e ad aiutare l'economia cittadina. Da ciò, anche la richiesta di collaborazione a tutta quanta la società civile licatese perchè sia protagonista dell'opera di salvaguardia e di tutela del patrimonio sia pubblico che privato. Chiaramente spero che gli autori degli atti vandalici vengano individuati e condannati a pagare, per risarcire i danni materiali e d'immagine che, con le loro inaccettabili azioni, danneggiano un'intera comunità". 
  

Amarezza è espressa anche da parte dell'assessore al Verde pubblico Giuseppe Ripellino per quei bambini della media Marconi che, nell'ambito di un progetto di sensibilizzazione alla legalità, hanno presentato al Comune un progetto di ulteriore riqualificazione della villa comunale “Regina Elena” all'interno della quale realizzare un piccolo orto botanico, l'attivazione di un laboratorio didattico e la esecuzione di un più ampio progetto che coinvolga anche bambini con disabilità  e anziani.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caso "Sea Watch 3", comandante sotto torchio per 7 ore: "Rifarei tutto quello che ho fatto"

  • Cronaca

    Girgenti acque sempre più indebitata: l'Ati punta a incassare oltre 860mila euro

  • Cronaca

    "Il corpo era devastato, non c'è stato il tempo di salvarlo": racconto choc di un soccorritore

  • Cronaca

    "Non si fece corrompere dal vivaista con quaranta palme", assolto l'ex presidente D'Orsi

I più letti della settimana

  • Colta da un malore improvviso: muore dirigente scolastico di Palma di Montechiaro

  • Incidente sul lavoro a Palma di Montechiaro, colpito dalla benna di una ruspa: muore operaio di 57 anni

  • Piero Barone canta a Tokyo, "Il Volo" top nella classifiche in Giappone

  • Parroco di Lampedusa "sfida" via Twitter Salvini: "Ti affido alla Madonna di Porto Salvo"

  • La patente NCC: cos'è e come si ottiene

  • L'incidente mortale sul lavoro a Palma di Montechiaro, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento