"Pretendevano un tasso del 300% annuo", operazione antiusura a Licata: fermati padre e figlio

Il decreto di fermo di indiziato di delitto sono stati i sostituti procuratori della Dda Claudio Camilleri e Pierangelo Padova. Ad essere bloccati sono stati: Antonino Greco, 49 anni, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, e Paolo Greco, 22 anni

Un momento della conferenza stampa in Questura e nei riquadri: Antonino e Paolo Greco

Avrebbero preteso un tasso del 20 per cento mensile, tasso che sarebbe arrivato al 300 per cento annuo. A loro avrebbero fatto ricorso, per avere soldi in prestito, commercianti, libero professionisti, imprenditori e perfino un disoccupato. Pochi - secondo la Squadra Mobile della Questura di Agrigento e gli agenti del commissariato di Licata - coloro che hanno denunciato, ma chi ha avuto il coraggio ha permesso alla polizia di Stato di sviluppare - con il coordinamento della Dda di Palermo - un'inchiesta che, domenica mattina, è arrivata al fermo di due persone: padre e figlio. 

Operazione antiusura a Licata, due le persone arrestate 

A firmare il decreto di fermo di indiziato di delitto sono stati i sostituti procuratori della Dda Claudio Camilleri e Pierangelo Padova. Ad essere bloccati sono stati: Antonino Greco, 49 anni, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, e il figlio Paolo Greco, 22 anni, sottoposto agli arresti domiciliari. Entrambi sono stati ritenuti responsabili, a vario titolo e anche in concorso, dell'ipotesi di reato di usura continuata e tentata estorsione ai danni di 4 persone di Licata. Per alcuni episodi - ha reso noto, stamani, il vice questore Giovanni Minardi: il dirigente della Squadra Mobile di Agrigento - è stata contestata l'aggravante dell'utilizo dei metodi mafiosi.

Poche le vittime che hanno parlato, l'appello: "Licata svegliati!"

Ad Antonino Greco è stato contestato - secondo quanto ha reso noto la Squadra Mobile - d'aver commesso il fatto mentre sottoposto alla sorveglianza speciale, con recidiva reiterata, specifica e infraquinquennale. Le indagini della Mobile e del commissariato di Licata, avviate mesi addietro, sono state condotte sia con attività tecniche che con metodi tradizionali. Sono state sentite le vittime, le quali, seppur particolarmente reticenti a causa del terrore di possibili ritorsioni, poste davanti alle evidenze investigative, non hanno potuto che confermare. 

Ad una delle vittime era stato dato un ultimatum: domenica 12 maggio avrebbe dovuto pagare la "rata" in scadenza, "pena gravi ritorsioni alla vittima e al suo nucleo familiare" - ha ricostruito la Questura. La risposta della Squadra Mobile e del commissariato di Licata, coordinati dalla Procura della Repubblica della Dda di Palermo, si è concretizzata all'alba. 

Una delle vittime è stata assistita dalla Fai antiracket di Gela associazione "Giordano" con il suo presidente Renzo Caponetti che è anche coordinatore Fai antiracket Sicilia. 

IL VIDEO. L'appello di polizia e associazione antiracket: "Non siete soli, non verrete mai abbandonati, denunciate"

Nel corso della perquisizione, all'interno dell'auto in uso ai congiunti Greco, - ha proseguito la ricostruzione ufficiale di Squadra Mobile e commissariato di Licata - sono stati ritrovati e sequestrati un coltello da cucina con lama di circa 10 centimetri e un tubo idraulico in ferro zincato, verosimilmente lo stesso descritto da una delle vittime.

"Spara contro i poliziotti in servizio a Licata", arrestato un ventiduenne 

Paolo Greco, lo scorso 8 marzo, era stato già arrestato - sempre dalla Squadra Mobile - poiché ritenuto responsabile di avere esploso, nottetempo e mentre era travisato, diversi colpi d'arma da fuoco, con una pistola scacciacani modificata. E li avrebbe esplosi contro dei poliziotti. Le immediate indagini permisero, allora, l'arresto di Paolo Greco, il sequestro dell'arma, del passamontagna, della felpa e dei guanti disseminati nel percorso di fuga. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento