Alzano il gomito durante la festa e in 3 finiscono in ospedale: uno è andato in coma etilico

Fra gli amici e i parenti giunti al pronto soccorso è divampato un alterco e sono dovuti intervenire i carabinieri per riportare la calma

(foto ARCHIVIO)

Tre licatesi, dai 20 ai 40 anni, sono finiti al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso”. Erano tutti ubriachi: uno è, addirittura, andato in coma etilico. Poco dopo, in ospedale, sono giunti anche familiari, amici e conoscenti – complessivamente una trentina di persone - . Gli animi, ad un certo punto, si sono surriscaldati: tutti, o quasi, del resto erano “alticci”. E’ nata una concitata discussione e, mentre i medici stavano prestando le necessarie cure ai tre malcapitati, sono dovuti intervenire i carabinieri per riuscire a riportare la calma. E’ accaduto tutto nella notte fra mercoledì e ieri.

A quanto pare, almeno i tre finiti in ospedale stavano partecipando ad una festa di compleanno. Fra uno scherzo e un ballo, hanno alzato il gomito ed esagerando si sono sentiti male.

Mentre i sanitari erano al lavoro, sono sopraggiunti familiari, amici e conoscenti: tutti naturalmente preoccupati per i tre che avevano accusato i malori. Fra i presenti, ad un certo punto, mentre erano in attesa di conoscere lo stato clinico dei tre, è divampato un alterco. Gli animi si sono surriscaldati e qualcuno ha iniziato ad urlare e ad inveire. Temendo che si innescasse qualche tafferuglio, o qualche possibile rissa, i sanitari del “San Giacomo d’Altopasso” hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Sul posto, si sono precipitati i carabinieri e proprio grazie alla loro presenza è, immediatamente, ritornata la calma.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento