"Sferra una coltellata al compagno della madre": arrestato per tentato omicidio

Il ventenne è stato portato alla casa circondariale "Pasquale Di Lorenzo". L'aggredito è finito al pronto soccorso dove i medici gli hanno suturato la ferita riportata alla nuca

Un corridoio d'ospedale

Pare che non riuscisse ad accettare la relazione fra la mamma e quell’uomo. Pare che le sfuriate fossero all’ordine del giorno o quasi. Lunedì pomeriggio, però, s’è rischiata una tragedia. Al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” di Licata è arrivato, con una brutta ferita alla nuca, un ventisettenne. Era stato appena  accoltellato. I medici dell’ospedale di Licata si sono, naturalmente, subito mobilitati nel prestare le necessarie cure sanitarie, ma sono stati anche allertati – è la procedura ad esigerlo – i carabinieri. E i militari dell’Arma, nel giro di pochissimo, sono riusciti ad arrestare il presunto aggressore. A finire al carcere “Di Lorenzo” di Agrigento – con la pesantissima accusa di tentato omicidio – è stato un ventenne.

Il riserbo degli investigatori è fitto. Anzi di più. Pare però che, all’interno di un’abitazione dell’immediata periferia di Licata, lunedì pomeriggio, sia all’improvviso divampata l’ennesima discussione fra il ventenne, che non riuscirebbe a “digerire” la relazione della madre con quell’uomo, e il ventisettenne. La lite si sarebbe fatta abbastanza animata e ad un certo punto – stando all’accusa formalizzata dai carabinieri e dalla Procura della Repubblica di Agrigento – il ventenne avrebbe afferrato un coltello e avrebbe sferrato contro l’altro una coltellata. La tragedia non s’è appunto, e per fortuna, consumata solo perché la mamma del ragazzo si sarebbe messa in mezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ scattata, naturalmente, la corsa verso il pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” dove i sanitari hanno subito tamponato la ferita alla nuca e applicato i necessari punti di sutura. Il ventisettenne è stato, poi, naturalmente, sottoposto a tutti i necessari accertamenti medici. Diagnosticando una prognosi di circa 10 giorni, salvo complicazioni, l’uomo è stato poi dimesso dalla struttura ospedaliera. Nel frattempo, però, i carabinieri della compagnia di Licata, intervenendo in ospedale, hanno ricostruito subito l’accaduto e sono riusciti a rintracciare il presunto aggressore del ventisettenne. Il giovane è stato, dunque, arrestato. L’accusa formalizzata a suo carico è stata quella di tentato omicidio. Dopo le formalità di rito, il ventenne è stato trasferito – dagli stessi carabinieri – alla casa circondariale di contrada Petrusa ad Agrigento dove dovrà rimanere in attesa dell’udienza di convalida. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • "Stavamo collocando le microspie e ci ha sparato addosso", racconto choc di tre tecnici in incognito

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Scazzottata con tragedia in via Petrarca, 64enne si accascia al suolo e muore

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento