"Picchia la madre e minaccia con un coltello i familiari": arrestato commerciante 44enne

La donna è finita al pronto soccorso: non è, per sua fortuna, in gravi condizioni. Quando i poliziotti sono arrivati, dopo aver raccolto l'Sos, lo hanno bloccato mentre provava ad allontanare i parenti che stavano cercando di calmarlo

Ha picchiato la mamma - e forse non sarebbe stata neanche la prima volta - per questione di soldi. Un commerciante di 44 anni, di Licata, è stato arrestato per l'ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia. L'arresto è stato già convalidato e l'uomo è stato collocato agli arresti domiciliari, naturalmente in un'altra abitazione rispetto a quella della madre. 

La donna è finita al pronto soccorso dell'ospedale "San Giacomo d'Altopasso" dove i medici, dopo averla sottoposta a tutti gli accertamenti sanitari ritenuti necessari, le hanno diagnosticato ferite guaribili in circa cinque giorni. 

Quando i poliziotti del commissariato di Licata sono giunti sul posto, dopo aver raccolto un Sos, hanno trovato l'uomo con in mano un coltello: stava - secondo l'accusa formalizzata dalla polizia di Stato e dalla Procura della Repubblica di Agrigento - minacciando alcuni parenti che erano accorsi per evitare disgrazie e per riportare, di fatto, la calma.

Stando all'attività investigativa, quanto è accaduto nelle ultime ore non sarebbe stata la prima volta che il quarantaquattrenne si scagliava contro la mamma.   

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

  • Mafia e droga, la maxi inchiesta "Kerkent": tre indagati chiedono di parlare col pm

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento