Mafia e massoneria deviata, scatta un altro arresto e un obbligo di presentazione alla Pg

Ai domiciliari è finito Antonino Cusumano, ritenuto responsabile di favoreggiamento aggravato. Notificate in carcere le ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip del tribunale di Palermo per i 7 indagati sottoposti a fermo lo scorso 31 luglio

L'incontro fra il funzionario massone e i presunti affiliati

Un altro arresto e un indagato sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Mentre in carcere sono state notificate le ordinanze di custodia cautelare, firmate dal gip del tribunale di Palermo, per i 7 indagati sottoposti a fermo lo scorso 31 luglio.  C'è uno sviluppo - che ha portato appunto all'esecuzione di un arresto e alla notifica dell'obbligo di presentazione alla Pg - nell'ambito dell'operazione antimafia "Halycon" messa a segno dai carabinieri del Ros. Stamani è stata notificata l'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari ad Antonino Cusumano, ritenuto responsabile - secondo i carabinieri e la Dda di Palermo - di favoreggiamento aggravato dall'aver agevolato l'associazione mafiosa. Per la stessa ipotesi di reato, per A. M. è stata invece disposta la misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. I due, assieme all'indagato M. M., sono stati sottoposti a perquisizione domiciliare.

Mafia e massoneria deviata, scatta il blitz “Halycon”: sette fermi

Le 7 persone che vennero fermate lo scorso 31 luglio erano indagate, invece, a vario titolo, per associazione mafiosa e concorso esterno in associazione mafiosa. Al centro delle indagini dei carabinieri - che sono state coordinate dal procuratore Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Claudio Camilleri, Calogero Ferrara e Alessia Sinatra - la famiglia mafiosa di Licata, autorevole punto di riferimento sul territorio di Cosa Nostra, e Giovanni Lauria ritenuto "promotore e organizzatore".

Mafia e massoneria deviata, operazione “Halycon”: convalidati tutti i fermi

I carabinieri del Ros e quelli del comando provinciale di Agrigento, lo scorso 31 luglio, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto - emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo - Giovanni Lauria, 79 anni, inteso "il professore"; il figlio Vito di 49 anni; Angelo Lauria di 45 anni, Giacomo Casa di 63 anni; Giovanni Mugnos di 53 anni, Raimondo Semprevivo di 47 anni e Lucio Lustri di 60 anni.

I rapporti con Falsone e Cosa Nostra agrigentina, ecco chi è il "professore" Lauria“

Secondo l'accusa, Giovanni Lauria avrebbe presieduto riunioni e incontri con gli altri associati, gestendo e pianificando tutte le relative attività e affari illeciti, mantenendo il collegamento con esponenti di altre famiglie di Cosa Nostra della Sicilia Orientale, con lo scopo di progettare la realizzazione di attività per alterare le ordinarie e lecite dinamiche imprenditoriali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Lunghe attese al pronto soccorso? Scoppia il tafferuglio, 4 feriti: pure 2 infermieri

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

  • Spettacolo non autorizzato, movida e assembramenti: denunciato titolare di pub

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento