Inchiesta antimafia "Halycon", indagati "davanti" al Riesame

Stamattina si è tenuta l'udienza su Angelo Lauria, 45 anni, cugino di Giovanni: il "professore". Intanto è stato annullato l'obbligo di presentazione alla Pg per l'elettrauto sessantenne

halycon

L'inchiesta antimafia "Halycon" - che ha disarticolato un presunto intreccio fra mafia e massoneria deviata, con particolare riferimento alle famiglie di Licata e Campobello, è approda al tribunale del Riesame. Stamattina si è tenuta l'udienza su Angelo Lauria, 45 anni, cugino (e non il figlio che è Vito) di Giovanni: il "professore". Il tribunale della Libertà si pronuncerà nei prossimi giorni. Angelo Lauria è rappresentato e difeso dall'avvocato Giuseppe Di Peri. 

Mafia e massoneria deviata, l'inchiesta "Halycon" approda al riesame

Mercoledì, 11 settembre, si terranno invece le udienze per Giovanni Mugnos, 53 anni, difeso dall'avvocato Angela Porcello, considerato dagli inquirenti affiliato al clan Lauria di Licata, e Raimondo Semprevivo, 47 anni, considerato vicino al clan Occhipinti  che è difeso dagli avvocati Angela Porcello e Giovanni Castronovo.

Nelle ultime ore, intanto, sempre il Riesame - accogliendo il ricorso presentato dall'avvocato Santo Lucia - ha annullato la misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla Pg per il sessantunenne elettrauto di Licata, indagato sempre nell'inchiesta "Halycon". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento