Giro di prostituzione al "Paradise", cliente in aula: "Le ragazze ci facevano solo compagnia"

Un cinquantenne spiega: "Non si spogliavano nè prostituivano, restavano con reggiseno e slip"

“Le ragazze erano vestite, nessuna si è mai prostituita né con me né con gli altri clienti del locale”. Vincenzo Vella, cinquantenne, frequentatore del locale licatese Paradise, attorno al quale sarebbe stato allestito un giro di squillo, difende gli imputati dell’inchiesta “Lenone 2”. Dopo l’audizione dei testi del pubblico ministero Emiliana Busto, davanti al collegio di giudici presieduto da Giuseppe Miceli (a latere Enzo Ricotta e Antonio Genna) è stato ascoltato il primo teste della difesa. Sul banco degli imputati siedono: Angelo Incorvaia, 66 anni, di Licata; i rumeni Adriana Maria Cristina Radulescu, 35 anni, Costica Martinescu, 44 anni, Aurel Caruta, 34 anni, e Nicoleta Schiau, 31 anni; Carmelo Cani, 31 anni, di Palma di Montechiaro, e Angelo Schembri, 63 anni, di Licata. Le accuse ipotizzate sono di associazione a delinquere, sfruttamento e induzione alla prostituzione.

Per due imputati - Marinica Lacramioara “Anna” Pachitei, 36 anni, e Petre Alexandru Roman, 25 anni, entrambi rumeni - il processo è stato sospeso perché sono latitanti. “Negli anni scorsi – ha detto Vella rispondendo ai difensori (gli avvocati Antonio Montana, Gaspare Lombardo, Maria Licata e Mariolina Faraci) – ero un frequentatore del locale. Le ragazze intrattenevano i clienti chiacchierando ma non c’era niente di più”. Il pm Busto gli chiede di precisare come fossero vestite. “Avevano il reggiseno e le mutandine - ha risposto con un inevitabile imbarazzo - ma non il seno scoperto”. 
 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento