Furto nella chiesa Beata Maria Vergine di Monserrato: la polizia ritrova gli oggetti sacri

L'ostensorio e tre porta ceri erano nascosti all'interno di un sacchetto alle spalle della stazione. L'inchiesta continua per identificare l'autore della razzia

La refurtiva è stata recuperata: era all’interno di un sacchetto, nascosto alle spalle della stazione. Gli oggetti sacri sono stati già restituiti al parroco: don Carmelo Rizzo. Ad occuparsi dell’attività investigativa, che ha portato al rinvenimento degli oggetti sacri, sono stati i poliziotti del commissariato di Licata. Agenti che, adesso, stanno sviluppando le indagini per provare ad identificare i balordi che hanno messo a segno il colpo all’interno della chiesa Beata Maria Vergine di Monserrato.

Qualcuno – al momento ancora ignoto – s’è intrufolato all’interno della struttura sacra e dopo aver scassinato la cassetta delle offerte, arraffando e portando via quanto c’era all’interno, ha rubato anche alcuni oggetti sacri: un ostensorio e tre portaceri per la precisione.

Non appena è stata fatta la scoperta, subito è stato lanciato l’Sos e alla chiesa Beata Maria Vergine di Monserrato si sono portati i poliziotti del commissariato cittadino. Agenti che, in silenzio, hanno avviato immediatamente le indagini sul furto sacrilego.

E dopo qualche giorno, i poliziotti sono riusciti a ritrovare e a recuperare la refurtiva che era appunto all'interno di un sacchetto che era stato nascosto – forse in attesa che passasse qualche giorno, per poi provare a piazzare la merce sul mercato nero - alle spalle della stazione. La refurtiva è stata, subito dopo il rinvenimento, restituita al parroco don Carmelo Rizzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma non è finita. Non per i poliziotti del commissariato di Licata. Perché, adesso, c’è da capire chi ha messo a segno quella razzia. L’attività investigativa, su questo “fronte”, è ancora in corso: anzi è apertissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento