Cinque colpi di fucile contro il portone di un autotrasportatore: aperta un'inchiesta

I carabinieri stanno verificando se nella zona vi siano o meno delle telecamere di video sorveglianza pubbliche o private. "Grandi occhi" che potrebbero indirizzare immediatamente le indagini

(foto ARCHIVIO)

Cinque colpi di fucile sono stati esplosi contro il portone dell’abitazione – in via Monfalcone a Licata – di un autotrasportatore cinquantenne. Delle indagini su quella che ha tutte le caratteristiche dell’intimidazione si stanno già occupando i carabinieri della compagnia di Licata. Militari dell’Arma che, anche ieri, seppur giornata festiva, stavano verificando – quale primo passo investigativo – se nella zona dove si è verificato l'inquietante episodio vi siano o meno delle telecamere di video sorveglianza pubbliche o private. Telecamere che potrebbero, naturalmente, indirizzare – e anche immediatamente - l'attività investigativa. Un fascicolo, a carico di ignoti, è stato aperto dalla Procura della Repubblica di Agrigento.

Cosa sia accaduto, con precisione, in via Monfalcone a Licata non è chiaro. Il riserbo investigativo dei carabinieri – come sempre avviene in casi di questo genere – è più che categorico. Serve del tempo, inevitabilmente, per incastrare tutte le tessere del puzzle e fare dunque piena chiarezza, cercando naturalmente di identificare chi ha esploso quei cinque colpi di fucile. Colpi che, a quanto pare, non sarebbero stati esplosi da distanza ravvicinata, non troppo almeno.

I militari dell’Arma hanno già effettuato tutti gli indispensabili rilievi tecnici sui colpi esplosi e sono state anche già avviate alcune audizioni. Oltre al proprietario dell’abitazione, il cui portone d’ingresso è stato danneggiato, verranno sentiti anche – è la procedura investigativa ad imporlo - quanti vivono nell’intero quartiere. I carabinieri cercheranno, infatti, di appurare se qualcuno ha visto o sentito qualche cosa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento