Cadavere sugli scogli a Licata, è "giallo" sull'identità: aperta un'inchiesta

La salma è stata portata all'obitorio dell'ospedale "San Giacomo d'Altopasso" dove verrà sottoposta ad autopsia. Potrebbe trattarsi di uno dei tanti migranti morti durante una delle traversate della speranza?

(foto ARCHIVIO)

Il cadavere di un uomo, forse un giovane, è stato ritrovato e recuperato sugli scogli di una piccola spiaggia di Licata. A mobilitarsi per il recupero della salma sono stati i poliziotti del commissariato cittadino. Il corpo, pare irriconoscibile, è stato portato all’obitorio dell’ospedale “San Giacomo d’Altopsasso” dove – quando il sostituto procuratore di turno, titolare del fascicolo d’inchiesta immediatamente aperto, disporrà l’esame – verrà sottoposto ad autopsia.

L’ispezione dovrebbe riuscire a chiarire come l’uomo sia morto, per quanto tempo grosso modo è rimasto in acqua, e se è o meno un extracomunitario. Ieri, investigatori e inquirenti non avevano in mano alcun elemento certo. Una sorta di “giallo”, dunque, quello che s’è registrato a Licata.

Potrebbe trattarsi di uno dei tanti migranti morti durante una delle traversate della speranza. Ma non è però detto. L’autopsia dovrebbe riuscire a chiarire anche questo. I poliziotti del commissariato di Licata, come prima cosa si sono sincerati sulle denunce di scomparsa presentate in tutta la provincia, ma non soltanto. Un passaggio investigativo di rito, indispensabile per avere, e fin da subito, un quadro chiaro. L’ipotesi privilegiata – ma non confermata – è quel cadavere sia di uno dei tanti migranti morti durante il viaggio verso le coste siciliane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • L'incidente di Canicattì, le ferite erano così gravi da uccidere la 35enne?

  • Anziano si fa masturbare in strada: nuovo caso di atti osceni in luogo pubblico

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento