"Aggrediscono coppia di amici e sfregiano il figlio per 400 euro", chieste due condanne

Uno dei due imputati era ospite dalle vittime e sapeva che aveva in tasca i soldi

Approfitta dell’ospitalità di una coppia di amici per rapinarli e picchiarli insieme a un complice accanendosi persino contro un neonato di undici mesi che resterà sfregiato a vita dopo avere rimediato un profondo taglio dell’arcata sopraccigliare. I due presunti protagonisti della brutale aggressione, in passato coinvolti in vicende simili, rischiano adesso una condanna. Il pubblico ministero Gianluca Caputo, ieri mattina, al termine della requisitoria, ha chiesto 6 anni di reclusione per Alin Dragos Rauta, 31 anni e 4 anni e 4 mesi per Gheorge Bogdan Tanase, 22 anni, entrambi romeni di origine ma residenti a Licata da tanti anni.

L’episodio è avvenuto nella notte fra il 30 e il 31 agosto scorsi. Tutto nascerebbe dall’intenzione di rubare 400 euro a un connazionale. Rauta era ospite di una coppia di amici. Per questo sapeva che l’uomo, quella sera, aveva con sé i soldi. Insieme a Tanase, quindi, avrebbero deciso di seguirlo in un bar e, quando l’uomo uscì e si avviò nel retro, sarebbero entrati in azione per rapinarlo: il trentatreenne sarebbe stato preso a pugni, calci, ceffoni e picchiato con alcuni colpi di sedia alla schiena. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo averlo brutalmente pestato, lo rapinarono di 400 euro che teneva della tasca dei pantaloni. Il solo Rauta, subito dopo, sarebbe andato a casa sua dove c’era la moglie e il figlioletto. Appena la povera donna aprì la porta, il connazionale l’avrebbe spintonata con violenza facendola cadere a terra insieme al figlio. Il piccolo sbattè la faccia e riportò una lesione dell’arcata sopraccigliare destra con un taglio di un centimetro e mezzo che si trasformerà in uno sfregio permanente. Poi, prima di andare via, la minaccia indirizzata al marito: “Digli che da domani in poi da casa non esce, deve scomparire da Licata altrimenti gli finisce male”. I due rumeni, invece, dopo essere andati all’ospedale per farsi medicare e per fare curare il figlio, hanno subito presentato una formale querela. Al processo, inoltre, si sono costituiti parte civile con l’assistenza degli avvocati Salvatore Manganello e Salvatore Loggia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento