Legge 104, su 132 insegnanti trasferiti nella scuola primaria 35 hanno beneficiato della norma

I dati provengono dai documenti pubblicati sul sito online dell'Ufficio scolastico provinciale, il deputato regionale Giovanni Di Caro:"chiederò l'accesso agli atti"

Foto d'archivio

Un anno scolastico sta terminando, un altro si appresta ad iniziare ed è quindi tempo in provincia di Agrigento di parlare, ancora, di trasferimenti e legge 104.

La lanciare il tema è stato, oggi, il deputato regionale del Movimento 5 Stelle, Giovanni Di Caro, il quale ha pubblicato sui social una dichirazione in tema. "Venerdì scorso - scrive - sono state pubblicate le graduatorie degli insegnanti aventi diritto ai trasferimenti presso le sedi di scuola primaria più vicine alla propria residenza. Si registra ancora una volta un'altissima percentuale di aventi diritto a precedenza ai sensi della legge 104. Chiederò immediatamente l'elenco degli aventi diritto alla 104 e controlli ancora più serrati. Ovviamente chi ha realmente diritto alla legge 104 non ha nulla da temere!".

Se l'elenco verrà fornito, non lo sappiamo, dato che precedenti tentativi di questo tipo non sono andati esattamente a buon fine. Certo è che, scaricando direttamente l'allegato dal sito on line dell'Ufficio Scolastico provinciale di Agrigento emerge come su 132 docenti della scuola primaria che hanno ottenuto il trasferimento all'interno della provincia e all'esterno di essa, in 35 casi sia indicata la dicitura "precedenza prevista dal contratto collettivo nazionale di lavoro", formula dietro alla quale - per motivi di privacy - si "nasconde" chi ha diritto alla Legge 104, nata, lo precisiamo, per tutelare chi ha bisogno di assistenza perché gravato da un handicap personale oppure perché assiste una persona non autosufficiente.

Nessun riferimento alla 104 si fa invece nei trasferimenti interprovinciali in entrata, che sono comunque solo tre. Va tutto bene? Non esattamente: in realtà la nostra è una provincia con pochissimi posti disponibili e graduatorie letteralmente intasate da persone che hanno i benefici previsti dalla 104. Sono infatti così tanti che oggi si intralciano a vicenda. A poco sono serviti gli accertamenti, le verifiche mediche, gli sviluppi giudiziari e i clamori mediatici: qualcosa, in questa provincia, continua a non andare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Rapinata la banca Sant'Angelo: in due portano via 50 mila euro

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento