Catapecchie cadenti nel centro storico, aggiudicate le demolizioni

Si comincerà dagli edifici in peggiori condizioni e da quelli che si trovano su vie particolarmente trafficate

foto d'archivio

Messa in sicurezza del centro storico di Agrigento, il Comune potrà a breve dare il via ai lavori di abbattimento ed eliminazione dei pericoli.

Dopo lunga gestazione, infatti, è stato affidato il servizio di demolizione e messa in sicurezza del patrimonio del cuore antico della città, interessando sia beni pubblici che, più frequentemente, strutture di proprietà di privati che però non si occupano della loro manutenzione. Le somme, a conti fatti, non sono particolarmente rilevanti ma, spiegano dall'amministrazione comunale, serviranno per eliminare una serie di situazioni di potenziale rischio. Si partirà infatti dagli edifici in peggiori condizioni e da quelli che si trovano su vie particolarmente trafficate. Per fare un esempio, si interverrà in via Garibaldi su una delle due due abitazioni colpite mesi fa da ordinanze di messa in pristino e rispetto alla quale i proprietari non hanno ancora oggi disposto interventi di sorta.

Le somme, ovviamente, saranno anticipate dall'ente ma dovrebbero essere successivamente recuperate attaverso il ricorso alle vie legali ai proprietari , per quanto si tratti come noto di un percorso sempre molto complesso e che raramente consente di riportare in cassa l'intero importo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • Sorveglianza speciale e maxi sequestro del "tesoro" del "re" dei supermercati: ecco tutti i dettagli

  • L'incidente mortale di Ravanusa, veglie di preghiera per Federica

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento