"Vogliamo solo lavorare": gruppo di tunisini protesta davanti la chiesa

I migranti si sono sdraiati, lasciando in bell'evidenza i cartelli con gli appelli, in un punto della piazza davanti alla sagrato della parrocchia San Gerlando

"Vogliamo vivere solo con dignità come essere umani". "Vogliamo solo lavorare". "Aiutaci a non ritornare in Tunisia". E' con in mano dei pezzi di cartone, con queste scritte, che ieri sera un gruppo di tunisini ha inscenato un sit in di protesta - del tutto pacifico naturalmente - davanti alla chiesa Madre di Lampedusa. Il gruppo ha chiesto, di fatto, di poter rimanere in Italia e di non essere rimpatriati.

I migranti si sono sdraiati, lasciando in bell'evidenza i cartelli con gli appelli, in un punto della piazza davanti alla sagrato della parrocchia San Gerlando. A monitorare l'evolversi della protesta - che è stata appunto pacifica - la polizia presente sull'isola. 

Gli arrivi dalla Tunisia sono aumentati. In Tunisia - Paese con il quale l'Italia ha un accordo per i rimpatri - domenica si è svolto il primo turno delle elezioni presidenziali. Ci sono quindi equilibri politici che devono essere trovati con riflessi sui presidi di sicurezza attorno ai porti. Dovrebbero essere quasi 600 i nordafricani che, nelle ultime due settimane, sono approdati a Lampedusa. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento