Continua l'operazione "Svuota hotspot": arrivati a Porto Empedocle altri migranti

Il gruppetto è stato imbarcato, stamani, sul traghetto di linea "Sansovino"

Il momento dello sbarco dal traghetto di linea

Dopo i tre sbarchi, nel giro di un'ora, di ieri e dopo l'ennesimo appello del sindaco di Lampedusa Totò Martello, sono proseguite anche oggi le operazioni di alleggerimento delle presenze nell'hotspot di contrada Imbriacola. Un altro gruppo di migranti, stamattina, è stato imbarcato sul traghetto di linea Sansovino che è giunto da poco a Porto Empedocle. Ad attendere i migranti, sulla banchina di Porto Empedocle, come da routine ormai, c'era la polizia di Stato che s'è occupata dei successivi trasferimenti in strutture d'accoglienza dell'isola.

Tre sbarchi nel giro di un'ora, Martello: "Il Governo ci aiuti, è emergenza all'hotspot"

Ci vorranno ancora dei giorni, e successive operazioni di trasferimento, per cancellare l'emergenza all'hotspot, che può ospitare massimo 98 persone. Ieri, dopo i tre sbarchi - di 63, 65 e 15 persone - ospitava invece ben 240 migranti. 

trasferimento migranti porto empedocle2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento