"Tangentopoli a Lampedusa", dopo la requisitoria spazio alle arringhe difensive

Il pubblico ministero Salvatore Vella aveva chiesto 23 condanne, i giudici hanno dato la parola ai legali degli imputati

De Rubeis, il giorno del primo arresto

Spazio alle arringhe della difesa al processo sulla cosiddetta tangentopoli lampedusana: Dopo la requisitoria del procuratore aggiunto Salvatore Vella che ha chiesto la condanna di tutti i ventitrè imputati, accusati di associazione a delinquere, corruzione, abuso di ufficio e altri reati, i giudici della seconda sezione penale hanno dato la parola ai difensori degli imputati.

Chieste condanne fino a 17 anni di carcere

Nella lista i presunti componenti della "cricca", capeggiata dal sindaco di allora Bernardino De Rubeis e dai tecnici di sua fiducia Giuseppe Gabriele e Gioacchino Giancone, che avrebbe gestito appalti pubblici in maniera illegale in cambio di tangenti.

Questa mattina ci sono stati gli interventi, fra gli altri, degli avvocati Salvatore Maurizio Buggea, Alessandro Patti ed Emanuele Dalli Cardillo. Si continua il 24 luglio.  

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

I più letti della settimana

  • Colto da un malore mentre si fa il bagno, tragedia a Porto Empedocle: muore un uomo

  • Nuovo colpo a Cosa Nostra, scatta il blitz Assedio: 7 fermi, c'è anche un consigliere comunale

  • Blitz "Assedio", le intercettazioni: "Io ci sono nato mafioso … mi devo vergognare che sono mafioso?"

  • Blitz antimafia "Assedio", ecco i nominativi dei fermati

  • Il pm la scagiona, lei muore poco dopo: la città piange Maria Garufo

  • Ricconi alla Scala dei Turchi, super yacht con scivolo gonfiabile

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento