Ben 130 tunisini arrivano con 2 barche, altri 80 lasciano l'hotspot di Lampedusa

Nella struttura d'accoglienza, a trasferimento concluso, resteranno circa 100 migranti a fronte di una capienza massima prevista per 95 persone

La costa di Lampedusa

Non si ferma. L'ondata migratoria - composta da piccole imbarcazioni che, da sole, arrivano fino alla terraferma - alle 7,30 ha determinato un nuovo, piccolo, approdo. Una ventina i migranti - verosimilmente tunisini - che sono riusciti ad arrivare fino al porto di Lampedusa. Tutti sono stati subito portati all'hotspot di contrada Imbriacola dove, ieri sera, erano rimaste 160 persone. All'alba, dunque, i migranti ospiti della struttura d'accoglienza sono arrivati ad essere 180 circa. 

Due sbarchi nel giro di poche ore, hotspot di nuovo in emergenza

Ma è già in corso un trasferimento di altri 80 extracomunitari. A coordinare le operazioni di smistamento è la polizia di Stato. A trasferimento avvenuto, con il traghetto di linea che questa sera giungerà a Porto Empedocle, nell'hotspot resteranno circa 100 migranti, a fronte di una capienza massima prevista per 95 persone. Quello di oggi è il terzo, massiccio, trasferimento che viene realizzato per alleggerire le presenze nella struttura che ha rischiato, ancora una volta, il "collasso".  

Trasferiti a Porto Empedocle 69 migranti provenienti da Lampedusa: 54 minorenni e 2 arrestati

In tarda mattina, è poi arrivato - praticamente davanti al porto di Lampedusa - un barcone con 108 migranti. Anche loro sono stati portati all'hotspot che s'è ritrovato, di fatto, ad ospitare quasi 210 persone.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento