I netturbini sono tornati al lavoro: è ripresa la raccolta dei rifiuti

I 16 operatori ecologici - dopo tre giorni di astensione - sono in azione e stanno cercando, anche con l'utilizzo dei mezzi pesanti, di fare in fretta a ripulire l'isola, restituendole decoro e dignità 

Uno dei cumuli di rifiuti già rimosso

E' ripresa la raccolta dei rifiuti sulla più grande delle isole Pelagie. I 16 operatori ecologici sono tornati - dopo tre giorni di astensione - al lavoro e stanno cercando, anche con l'utilizzo dei mezzi pesanti, di fare in fretta a ripulire l'isola, restituendole decoro e dignità. 

Arrivano i soldi, si sblocca la vertenza 

La vertenza dei lavoratori non sembra però essere del tutto rientrata e sull'isola spirano venti di polemica. Ma Lampedusa ha bisogno di subire danni. Ha bisogno che la sua immagine, in questo periodo, non venga deturpata. Il sindaco delle Pelagie, Totò Martello, ieri, dopo il vertice in Prefettura, aveva raccontato: "Continuo a ricevere segnalazioni e denunce da parte degli operatori turistici per i gravissimi danni che stanno subendo". 

A Lampedusa, al momento, pare che ci siano oltre 40 mila presenze. 

Niente stipendi da tre mesi, netturbini in sciopero: il sindaco scrive alla Procura 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento