Immigrazione, Totò Martello: "Sì ai diritti, no all'odio e alla paura"

Al convegno su "La frontiera del diritto e il diritto della frontiera" ha preso parte anche il procuratore capo Luigi Patronaggio

"Quando si parla di immigrazione, l'unico modo per sottrarsi al terreno scivoloso della retorica e delle speculazioni politiche è ricondurre il dibattito al contesto concreto del diritto e delle regole". Lo ha detto Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa, intervenendo al convegno "La frontiera del diritto e il diritto della frontiera", promosso da Area democratica per la giustizia e dall'associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione, che si è tenuto a Lampedusa. "Per troppo tempo si è parlato di immigrazione andando avanti a colpi di 'slogan', che venivano spacciati per 'leggi' di fronte all'opinione pubblica. Ma la differenza fra 'norme' e 'slogan' può emergere solo se vi è una comunicazione chiara e veritiera, e se si crea un clima di 'normalità'. Bisogna poter parlare di immigrazione con serenità, senza costanti riferimenti alla paura che hanno il solo scopo di generare divisioni e odio sociale".

Al convegno hanno partecipato, fra gli altri, il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio; la vicepresidente del Senato, Anna Rossomando; il presidente emerito della Corte Costituzionale, Valerio Onida; Guido Raimondi, ex presidente Cedu; Riccardo Clerici, responsabile dell’ufficio legale dell’Unhcr; Armando Spataro, ex procuratore di Torino; Pietro Bartolo, vicepresidente della commissione Libertà civili, giustizia e affari interni del Parlamento europeo e Domenico Gallo, presidente di sezione della Corte di Cassazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Gli accordi con la Turchia e la Libia sono solo una fetta delle politiche, europee e nazionali, che negli ultimi anni sono state volte a ‘respingerè. Sono accordi scellerati" - ha detto l'eurodeputato Pietro Bartolo che ha aggiunto: "Nell’Ue esiste ancora molta resistenza ed è ancora grande la delusione per la bocciatura, durante la scorsa sessione plenaria, della risoluzione sul servizio di ricerca e salvataggio a cui avevamo tanto lavorato. Una risoluzione contro la criminalizzazione di chi salva vite in mare e per i ricollocamenti in tutti gli stati di quanti, disperatamente, arrivano in Europa. Continueremo - ha concluso- a chiedere un approccio europeo al tema dei migranti e a lottare contro la criminalizzazione di chi salva esseri umani". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento