Presunto jihadista passò da Lampedusa, foto con teste mozzate e Kalashnikov

La segnalazione agli organi di competenza, ad Agrigento, è stata immediata. Ma il libico, in procinto di essere trasferito in altra struttura, è stato come da programma imbarcato su un mezzo e inviato a destinazione. Ma adesso non sembra esserci più traccia del presunto terrorista

Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, lo aveva detto in occasione del suo incontro con alcuni sindaci dell’Agrigentino: «Abbiamo chiesto ai prefetti di rafforzare le misure di vigilanza, ma non è possibile prevedere fino all'ultimo gesto di un pazzo criminale». Così, proprio a poche ore dalle parole del capo del Viminale, un presunto jihadista è passato da Lampedusa prima e da Porto Empedocle poi.

Potrebbe trattarsi proprio di un uomo dell’Isis. Un libico "ospite" del centro di accoglienza di Lampedusa (sbarcato sull’isola il 9 giugno scorso) era in possesso di fotografie - salvate sul suo tablet - che lo ritraevano in mimetica, con un Kalashnikov e con una testa mozzata in mano. Le foto sarebbero state mostrate dal presunto terrorista ad un connazionale.

La segnalazione agli organi di competenza, ad Agrigento, è stata immediata. Ma il libico, in procinto di essere trasferito in altra struttura, è stato come da programma imbarcato su un mezzo e inviato a destinazione. Ma adesso non sembra esserci più traccia del presunto jihadista.

Lo rivela “Il Giornale”, che in un articolo racconta come - una volta via da Lampedusa - il libico avrebbe potuto avere maggiore possibilità di fare perdere le sue tracce, spostandosi a piedi o con eventuali agganci per abbandonare il centro.

È accaduto anche in passato che i migranti si allontanassero dalle strutture di accoglienza. Ci sono organizzazioni criminali specializzate nel prelevare gli immigrati dai centri per destinarli altrove. E già in passato le procure di Agrigento, Catania e Palermo hanno aperto inchieste su presunti terroristi dileguatisi dai centri. 

Nel caso in questione, quello del libico in possesso degli scatti del terrore, sbarcato a Lampedusa il 9 giugno, è stato addirittura trasferito dal sistema che si occupa di garantire il turn over tra i migranti presenti nelle strutture e i nuovi arrivati. 

Soltanto pochi giorni fa è stato arrestato il presunto autore della strage al Museo del Bardo, a Tunisi, anche lui arrivato a Porto Empecocle. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento