Tragedia nel cuore di Napoli, appartamento a fuoco: muore un'agrigentina

I vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme prima che si espandessero ad altri appartamenti, ma non hanno potuto fare nulla per salvare la sua occupante, che viveva lì da sola

Tragedia nel cuore di Napoli. Muore un'agrigentina di 81anni è Iole Bosio. L'anziana è rimasta uccisa nell'incendio della sua abitazione in via Enrico Pessina 73.

L'incendio ha avuto luogo stamane, intorno alle 7, ed ha coinvolto soltanto l'appartamento dell'anziana, un attico realizzato sopra al terrazzo di copertura dello stabile.

I vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme prima che si espandessero ad altri appartamenti, ma non hanno potuto fare nulla per salvare la sua occupante, che viveva lì da sola. Iole Bosio, nata ad Agrigento, aveva sempre vissuto nel capoluogo partenopeo.

Le cause del rogo non sono ancora note. Si è trattato quasi certamente di un incidente. In zona, soltanto quattro giorni fa, era avvenuto l'incendio di una mansarda nel Palazzo Carafa di Maddaloni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento