8 marzo, un mese di iniziative al femminile a Racalmuto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"L’8 marzo 'Giornata internazionale delle donne' è un giorno di celebrazione per le conquiste sociali, politiche ed economiche che le donne sono riuscite a ottenere in oltre un secolo di lotte. È anche un’occasione di riflessione sul ruolo femminile e sulle differenze di genere, che ancora oggi riguardano l’occupazione, la qualità del lavoro e della vita, le possibilità di carriera, la rappresentanza politica nei ruoli di vertice nelle amministrazioni pubbliche e private, il riconoscimento dei talenti e dei saperi delle donne". Lo scrive il sindaco di Racalmuto, Emilio Messana.

"Come ogni anno, - prosegue il sindaco - con le associazioni di Racalmuto è diventato ormai un appuntamento fisso. Non mancano mai di offrire alla comunità, specialmente in giornate particolari quali l’8 marzo o il 25 movembre (Giornata internazionale contro la violenza sulle donne) grandi momenti di riflessione collettiva sul ruolo della donna in società e di contrasto al femminicidio. Angela Giancani, presidente dell’associazione Fidapa di Racalmuto, con Lorella Farrauto, presidente dell’associazione Cristalli di Sale, Maria Mulè, presidente dell’associazione Ad Maiora e Angela Martorana, presidente dell’associazione Arci si muovono sempre in questa direzione".

Vari gli appuntamenti in calendario per tutto il mese di marzo. Si inizia l’8 marzo con l’evento IO Donna , organizzato dalle tre sezioni dell’associazione Fidapa: di Racalmuto, Canicattì e Palma di Montechiaro, presso la sala consiliare del palazzo di Città. Mentre, alla Fondazione Leonardo Sciascia, l’associazione Arci a breve ci presenterà un ricco programma di tre giornate ( 21-24-28 marzo) su temi importanti riguardanti la donna quali: l’amore, il rapporto tra donna e politica e la vita delle donne rifugiate. A queste si aggiungono altre iniziative che verranno fatte nelle scuole.

Dichiara il vicesindaco Carmela Matteliano: “Il filo conduttore delle varie iniziative è la valorizzazione della figura femminile, con tutte le sue risorse e sensibilità. Attraverso queste proposte culturali che ci accompagneranno per tutto il mese, un mese di iniziative al femminile, avremmo modo di incontrare storie di donne che vale la pena di approfondire e di conoscere. Le iniziative sono state proposte ed organizzate da numerosi soggetti, associazioni e gruppi della città che consentono, con diverse modalità, di investire del tempo per stare insieme, riflettere, divertirsi. La forza delle donne rappresentata attraverso storie, parole, immagini che potranno arricchire le nostre giornate, è resa quest’anno particolarmente forte, appunto, dal contributo unito di tutti i soggetti sensibili a queste problematiche”. 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento