"E' una città turistica", disposto aumento dei conferimenti dell'indifferenziato

Fino al prossimo 15 settembre Agrigento potrà smaltire 11 tonnellate in più alla volta, come chiedeva ormai da oltre un mese

(foto ARCHIVIO)

Prima erano state le diffide, più o meno concrete, poi è arrivata l'ammissione e l'autorizzazione a conferire più indifferenziato.

La Regione Siciliana, facendo un passo indietro, ha infatti accolto parzialmente la richiesta del Comune di Agrigento di ampliare i conferimenti di secco residuo preso atto che la città, essendo una meta turistica e balneare, nel periodo estivo registra un incremento di popolazione di almeno 20mila unità.

Il Comune "diffidato" dalla Regione: "Prodotto troppo indifferenziato"

Per questo, fino al 15 settembre, sarà possibile conferire in discarica una decina di tonnellate in più di quanto finora autorizzato, per quanto il Municipio avesse chiesto una deroga da ben 15 tonnellate. Si tratta comunque di una “vittoria” per l’Amministrazione Firetto, che aveva reagito duramente ai rilievi avanzati dal Dipartimento e raccontati da questo giornale, sostenendo che appunto Agrigento è il primo capoluogo per raccolta differenziata in Sicilia. Nel provvedimento, comunque, la Regione continua ad assegnare al Comune comunque l’onere di verificare l’operato delle ditte di igiene ambientale, in modo da poter comunque puntare ad una riduzione del secco residuo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento