Niente più tagli alle indennità di Giunta, sindaco e assessori le incasseranno per intero

Si tratta di una correzione operativa che farà discutere: invece che decurtare a monte le somme, saranno gli amministratori a decidere di volta in volta come spenderle

Una veduta di Porto Empedocle

Le motivazioni appaiono tecniche, ma il passo indietro c'è almeno formalmente. La giunta comunale di Porto Empedocledel Movimento 5 Stelle capitanata da Ida Carmina inizierà a percepire retroattivamente, a partire dal primo settembre scorso, in modo pieno le indennità per sindaco e assessori.

L'atto formale è stato firmato solo adesso, modificando le dichiarazioni fatte in aula consiliare ormai 2 anni fa, quando anche il presidente del consiglio comunale volle rinunciare al 30% delle somme percepite e i consiglieri si auto-azzerarono il gettone. Passo, quest'ultimo, che durò poco più di un anno e mezzo, dato che quanto dovuto per i lavori d'aula e commissione venne reintegrato dai consiglieri stessi appunto durante l'anno in corso dato che si ritenne indispensabile, nonostante le agghiaccianti condizioni economiche dell'ente (oggi impossibilitato a pagare stipendi e servizi) di predisporre comunque il gettone anche al fine di scavalcare l'immobilismo in cui l'organo era sprofondato.

Così adesso cambiano le regole anche per la Giunta pentastellata, che, "sulla base dell’esperienza maturata a seguito delle modalità applicative della succitata deliberazione" si legge, ha deciso "di rimodulare le stesse dichiarazioni". Così il nuovo indirizzo è "quello di procedere ed incamerare in toto gli emolumenti spettanti senza nessuna decurtazione", il che significa che l'ente dovrà pagare agli amministratori "le somme lorde a loro spettanti per indennità di funzione senza nessuna decurtazione con decorrenza dal primo settembre 2018". Nella medesima delibera si specifica comunque che "gli amministratori intendono devolvere direttamente parte della loro indennità per progettualità che di volta in volta saranno da loro stessi valutati e decisi, senza farle confluire nell’apposito fondo istituito con la deliberazione".

Perché? Potrebbe trattarsi di un problema di tipo tecnico per l'utilizzo delle risorse, che con il vecchio sistema rimangono "incagliate" nel bilancio e non possono essere utilizzate senza l'approvazione dello strumento finanziario. Questo nuovo sistema, tuttavia, ancòra tutto alla volontà dei singoli: è chiaro che spetterà direttamente all'amministrazione prelevare le risorse e reinvestirle in iniziative scelte totalmente in modo soggettivo. C'è quanto basta per polemiche furenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento