Omicidio Francesco Vasile, carabinieri vicini ad una svolta

Le indagini, condotte dagli uomini della Compagnia di Agrigento, avrebbero permesso di inquadrare il contesto in cui sarebbe maturato lo scontro tra il 71enne e il suo assassino, poi sfociato nel terribile delitto

La vittima, Francesco Vasile

La pista c'è, è valida e potrebbe portare a breve ad una svolta. I carabinieri potrebbero - tra non poco - mettere le mani sull'autore (o autori, ancora da chiarire) del brutale omicidio di Francesco Vasileil 71enne trovato carbonizzato il 9 dicembre 2012 in contrada San Marco, ad Agrigento, nei pressi del museo archeologico.

Le indagini, condotte dagli uomini della Compagnia di Agrigento, diretti dal capitano Giuseppe Asti, avrebbero permesso di inquadrare il contesto in cui sarebbe maturato lo scontro tra il 71enne e il suo assassino, poi sfociato nel terribile delitto. "Abbiamo una valida pista – ha detto il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, colonnello Riccardo Sciuto - che ha però bisogno di essere confortata da alcuni dati. Siamo intanto certi che il caso non ha a che fare con la criminalità organizzata. Ma al termine del raccoglimento delle fonti di prova, potremo testimoniare le responsabilità di chi ha commesso quel delitto". 

Francesco Vasile, conosciuto in città perché da molti anni trasportava bombole di gas a domicilio, è stato ritrovato da uno studente che si trovava a passare da quella contrada. Il cadavere carbonizzato era sotto un ponticello della vecchia ferrovia, nei pressi del museo archeologico "San Nicola" di Agrigento. 

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento