Agrigento, Fondazione "Pirandello" e Comune: la Digos apre un'indagine

I poliziotti diretti dal vicequestore aggiunto Patrizia Pagano vogliono vederci chiaro e far luce sulla vicenda, per capire se realmente negli uffici del Comune o della Fondazione siano stati commessi reati

Il teatro "Pirandello" di Agrigento

Non è passato inosservato lo "sfogo" dell'organizzatore di eventi agrigentino Mario Pardo, che ieri ha simbolicamente occupato il teatro "Pirandello" di Agrigento per protestare contro i mancati pagamenti del Comune e contro alcune anomalie che hanno riguardato la Fondazione che porta il nome del drammaturgo agrigentino.

La Digos della Questura di Agrigento, diretta dal vicequestore aggiunto Patrizia Pagano, ha infatti convocato Pardo poche ore dopo la protesta, facendosi spiegare dettagliatamente tutte le circostanze da lui definite "anomale" che hanno riguardato il Comune di Agrigento e la Fondazione "Teatro Pirandello".

Mario Pardo, oltre a vantare alcuni crediti legati alla gestione delle biglietterie durante le ultime stagioni teatrali, ha anche parlato di "gare d'appalto costruite su misura" e di "inspiegabili collaborazioni a titolo gratuito". I poliziotti della Digos vogliono adesso vederci chiaro e far luce sulla vicenda, per capire se realmente negli uffici del Comune o della Fondazione "Teatro Pirandello" siano stati commessi reati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento