La sciagura dell'ultraleggero, verifiche sulla statale 640 ed ispezioni al relitto

Il tratto di strada, dove lo scorso 21 marzo è precipitato il velivolo, è stato riaperto dopo circa un'ora. Gli accertamenti sono stati condotti dal Pm Salvatore Vella, dal consulente tecnico nominato dalla Procura e dalla polizia Stradale

Un momento dell'ispezione, da parte del consulente della Procura, al relitto dell'ultraleggero

Prima, il sopralluogo tecnico sulla statale 640 - nel tratto fra Agrigento e Favara - dove si è consumata la tragedia. Poi, l'ispezione - anche questa squisitamente tecnica - al relitto dell'ultraleggero che è sotto sequestro al deposito giudiziario. Sono durate quasi due ore le verifiche - indispensabili per far progredire le indagini - della Procura della Repubblica di Agrigento.

Non ci sono indagati nel fascicolo di inchiesta, per omicidio colposo, - aperto, dal sostituto procuratore Salvatore Vella, fin dalle ore immediatamente successive allo schianto del "Tecnam ultra 2000 Rg" - . Era il 21 marzo scorso quando l'ultraleggero precipitava sull'asfalto della già raddoppiata statale 640 ed uccideva Salvatore Scannella, 55 anni, di Campofranco.

LEGGI ANCHE: Ultraleggero si schianta sulla statale 640, una vittima 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Agrigento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento