Incidente lungo la statale 123: due automobilisti finiscono in ospedale

A sbattere, per cause ancora in corso di ricostruzione, sono state una Opel Astra e una Fiat Grande Punto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco

Due persone sono finite al pronto soccorso dell'ospedale "Barone Lombardo" di Canicattì dopo un incidente stradale verificatosi lungo la strada statale 123, all'altezza del chilometro 5.300: in territorio di Naro. A sbattere, per cause che sono ancora in corso di ricostruzione da parte dei carabinieri, sono state due autovetture: una Opel Astra e una Fiat Grande Punto. L'impatto sembrerebbe essere stato violento. Scattato l'allarme sul posto sono, immediatamente, accorsi i vigili del fuoco del distaccamento di Canicattì. I pompieri hanno liberato l'automobilista che pare era rimasto intrappolato fra le lamiere contorte di un mezzo. 

Lungo la statale 123 anche un'autoambulanza del 118 che ha caricato e trasferito il ferito più grave in ospedale e i carabinieri che si sono, appunto, occupati dei rilievi tecnici di rito per ricostruire la dinamica dell'impatto. Anche il secondo automobilista coinvolto nell'incidente stradale, a quanto pare, con un mezzo privato, è stato accompagnato al pronto soccorso. 

La statale 123 è rimasta bloccata, letteralmente paralizzata, per ore. Gli automobilisti di passaggio hanno prima temuto il peggio, poi sono andati in escandescenze.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento