Schianto fra due auto sulla statale 640, ferite due donne: una è grave

La conducente di una Fiat Seicento, 22 anni, ha riportato ferite e traumi giudicati guaribili in circa 30 giorni. L'altra, alla guida della Ford Fiesta, 36 anni, ha riportato diverse fratture

I due mezzi coinvolti nell'incidente

Incidente stradale questa mattina sulla statale 640. Due auto, una Ford Fiesta ed una Fiat Seicento, sono rimaste coinvolte in uno schianto. 

Sono due donne di Porto Empedocle le ferite, portate all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento. La conducente della Fiat Seicento, 22 anni, ha riportato ferite e traumi giudicati guaribili in circa 30 giorni. L'altra, alla guida della Ford Fiesta, 36 anni, ha riportato fratture e ferite più gravi: frattura delle costole e traumi facciali. Non è però, per sua fortuna, in pericolo di vita. L'incidente è stato alle 6,15 circa. La Seicento procedeva verso Agrigento e la Fiesta sull'opposto senso di marcia. L'impatto fronto-laterale è stato talmente violento che la Fiesta s'è alzata ed ha oltrepassato il guard-rail. L'impatto è avvenuto al confine fra le contrade Maddalusa e Kaos. Polizia Stradale di Agrigento, coordinata dal vice questore aggiunto Andrea Morreale.

VIDEO - Schianto tra due auto sulla statale 640

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Scopre il tradimento del marito e per strada scoppia il parapiglia

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento