L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

L'uomo, su disposizione del sostituto procuratore di turno: Sara Varazzi, andrà ai domiciliari, ma per intanto si trova ancora all'ospedale "San Giovanni di Dio" dove alcuni militari dell'Arma lo stanno tenendo sotto controllo 

L'auto incidentata e nel riquadro Giuseppe Terrosi

Omicidio stradale. E' con questa accusa che il 49enne di Agrigento, Maurizio Modica, alla guida della Peugeot 207 che, all'alba, s'è schiantata contro il muretto di cinta di via Dei Borboni a San Leone, è stato arrestato dai carabinieri. L'uomo, su disposizione del sostituto procuratore di turno: Sara Varazzi, andrà agli arresti domiciliari, ma per intanto si trova ancora all'ospedale "San Giovanni di Dio" dove alcuni militari dell'Arma lo stanno, essendo scattato lo stato d'arresto, tenendo sotto controllo. L'indagato ha nominato quale suo difensore di fiducia l'avvocato Teresa Alba Raguccia.  

Incidente a San Leone: auto contro un muro, perde la vita un 32enne

Il 49enne, che era alla guida dell'utilitaria, è risultato essere - grazie agli accertamenti sanitari subito effettuati in ospedale - ubriaco. Motivo per il quale, appunto, è scattato l'arresto. Non è ferito in maniera grave e nelle prossime ore verrà trasferito, dagli stessi carabinieri, nella sua abitazione. A restare ferito, ma non in maniera grave, nell'incidente stradale che non ha coinvolto nessun altro mezzo di passaggio anche un altro agrigentino. Erano, infatti, complessivamente tre e non quattro le persone che - alle 5 circa - erano sull'utilitaria.

Tragedia di San Leone: ecco il luogo dell'incidente mortale

 I carabinieri, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Agrigento, stanno continuando a cercare di capire cosa sia accaduto all'alba in via Dei Borboni. L'impatto della Peugeot 207 contro il muretto e un palo della pubblica illuminazione non è stato, infatti, eccessivamente violento. E' morto però il trentaduenne di Agrigento: Giuseppe Terrosi. I militari dell'Arma, come sempre avviene in casi analoghi, ascolteranno non soltanto l'indagato per omicidio stradale, ma anche l'altro agrigentino che era sulla macchina. E' necessario, naturalmente, provare a fare massima chiarezza ricostruendo tutto per filo e per segno. La famiglia della vittima ha già nominato quale legale di fiducia l'avvocato Daniela Posante. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato con la febbre a 40 e sospetti sintomi di Covid-19, attesa per il tampone

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Anziano muore in casa propria, aveva febbre alta e tosse: sospetto Covid-19? Avviate le verifiche

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

  • Coronavirus, sabato di "follia" a Porto Empedocle: "ressa" davanti al supermercato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento