L'incidente del Giro d'Italia, dopo un mese di agonia è morto il motociclista 48enne

Leonardo D'Amico era stato investito la mattina del 9 maggio scorso all'altezza di contrada Maddalusa: lungo la statale 640, allora percorso della quinta tappa della competizione ciclistica

Nel riquadro: Leonardo D'Amico

E' spirato questa mattina - dopo quasi un mese d'agonia - Leonardo D'Amico, il quarantottenne di Sambuca di Sicilia che era stato investito la mattina del 9 maggio scorso all'altezza dei bivi di contrada Maddalusa: lungo la statale 640, allora percorso della quinta tappa del “Giro d’Italia”.

Il quarantottenne è in fin di vita 

Le condizioni dell'uomo sono apparse gravissime, disperate, fin dai primissimi momenti. Allora venne portato, in elisoccorso, all'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta dove i medici in queste settimane - tenendolo in coma farmacologico - hanno fatto di tutto per salvargli la vita.

L'incidente sul percorso del "Giro d'Italia", la Procura ha aperto un'inchiesta 

Il quadro clinico, seppur nella sua gravità, sembrava essersi stabilizzato. Poi, all'alba di oggi, il quarantottenne si è aggravato e stamani, all'unità operativa di Rianimazione, si è però, purtroppo, consumata la tragedia: il quarantottenne è spirato. 

"Forza chiusura della statale e travolge motociclista", arrestato 70enne

Poche ore dopo il terribile incidente, la polizia Stradale - coordinata dal vice questore aggiunto Andrea Morreale - ha arrestato e posto ai domiciliari - per l'ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale - Gaetano Agozzino, 70 anni. Contestate, con l'iscrizione nel registro degli indagati, le lesioni personali colpose. L'anziano, rendendo dichiarazioni spontanee, ha ammesso le sue responsabilità ed ha nominato quale suo difensore di fiducia l'avvocato Salvatore Maurizio Buggea che, nei giorni scorsi, ha chiesto la revoca dei domiciliari. 

La difesa al Riesame: "Scarceratelo" 

Le indagini sono state coordinate, fin dai primissimi momenti successivi al terribile incidente stradale, dal procuratore aggiunto Salvatore Vella e dal pm Paola Vetro. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento