Inchiesta Montagna, sorveglianza speciale per 65enne: fu considerato "reggente di Cosa Nostra raffadalese"

Dalla Questura anche un secondo provvedimento indirizzato ad un palermitano, ma residente a Porto Empedocle. L'uomo è ritenuto un "personaggio di elevata pericolosità sociale"

Antonio Vizzì

Nuovi provvedimenti da parte del questore di Agrigento, Rosa Maria Iraci, a quei soggetti ritenuti pericolosi per la sicurezza pubblica. Sono due le persone che dovranno osservare i nuvi provvedimenti. Un uomo di Raffadali e un palermitano residente a Porto Empedocle. 

Nel dettaglio, quattro anni di sorveglianza speciale per Antonio Vizzì raffadalese di 65 anni. La sua figura è stata messa in evidenza nell’operazione  "Montagna" del 2018. Il 65enne stato e stato condannato alla pena 14 anni di reclusione, con sentenza del 25 luglio 2019 del Gup di Palermo, in quanto reggente della famiglia mafiosa “Cosa Nostra” di Raffadali.  L’uomo è sottoposto alla misura cautelare della custodia in carcere.

S.G., nato a Palermo e residente a Porto Empedocle, 39enne nei cui confronti è stata aggravata la misura di prevenzione della sorveglianza speciale, prolungandone la durata di 1 anno. Personaggio di elevata pericolosità sociale incline alla commissione di reati in materia di truffa tramite compravendite on-line, portati a termine in modo seriale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • La statua di Camilleri diventa un "giallo": polemiche su donatori e progetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento