Inchiesta "Mare Nostrum", Nicolini: "Nessuno spreco per Linosa"

Dalle intercettazioni emergerebbe che lo scorso 31 dicembre sarebbe stata fatta partire una corsa straordinaria da Porto Empedocle con due soli passeggeri

Il sindaco delle Pelagie, Giusi Nicolini

"E' fonte di grande amarezza per me e per la mia comunità scoprire che, mentre combattevo al fianco dei funzionari della Regione impegnati nella riorganizzazione dei collegamenti veloci con le isole per eliminare sprechi e iniquità, loro invece citavano proprio Linosa come esempio di spreco. Spero tanto che non sia così. Linosa, l'unica isola a essere stata privata del collegamento interno con Lampedusa per 7 lunghi mesi e a ricevere il taglio del servizio nel periodo invernale, non si merita certamente di essere annoverata per sprechi". Lo dice il sindaco di Lampedusa e Linosa Giusi Nicolini in merito alle intercettazioni nell'ufficio regionale fra la dirigente Dora Piazza - che ha fatto scattare l'inchiesta "Mare Nostrum" della Procura di Palermo che ha portato all'arresto dell'armatore della Liberty line Ettore Morace - e il direttore generale Fulvio Bellomo.

Dalle intercettazioni emergerebbe che lo scorso 31 dicembre sarebbe stata fatta partire una corsa straordinaria da Porto Empedocle per Linosa con due soli passeggeri. "Linosa è l'isola più lontana della Sicilia, con circa 400 abitanti, sprovvista di tanti servizi fondamentali che invece sono presenti a Lampedusa - afferma Nicolini -.  La mobilità giornaliera tra le 2 isole e per gli abitanti ed i pendolari che devono garantire scuola e sanità non è più possibile in inverno. Mentre c'erano e ci sono isole che avevano o che ancora hanno una corsa di aliscafo ogni 5 minuti, Linosa è invece privata di diritti e pari opportunità. E' vero che in inverno nel canale di Sicilia l'aliscafo, che avrebbe dovuto effettuare 3 corse settimanali tra le due isole, saltava spesso le corse per le avverse condizioni meteo e trasportava poche persone. Ma lo scandalo stava nei rimborsi che la Regione riconosceva alla compagnia marittima, comprendendo anche le spese variabili, per esempio il carburante, che non veniva invece consumato quando la corsa era annullata. Di cosa dovrei chiedere scusa? - incalza il sindaco delle Pelagie - Di avere chiesto il recupero di corse, pagate e non effettuate per avverse condizioni meteo, per venire incontro a esigenze sociali degli abitanti? Per consentire agli studenti fuori sede di rientrare a casa per le festività o tornare a scuola dopo le festività, per consentire l'arrivo di insegnanti o medici a Linosa? Non certo per favorire interessi particolari. Le uniche corse straordinarie, non a recupero, sono state chieste per consentire alla scolaresca di Linosa di partecipare ad eventi e manifestazioni. Non certo per trasportare 2 persone". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Agrigento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Non si ferma all'Alt e fugge lungo la 115, bloccato 17enne: multe per 10 mila euro

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento