Bruciati due mezzi meccanici a ditta agrigentina nel Ragusano

I mezzi sono di proprietà di una ditta della provincia di Agrigento che ha ottenuto l'appalto per la risistemazione e recupero definitivo della discarica che nel Ragusano ha già cessato la sua attività da qualche anno perché satura. Si tratta di un appalto per dei lavori del valore consistente, 850.000 euro circa

(foto archivio)

Alle 3.40 di stanotte le Volanti della Polizia si trovavano sulla statale 115 per un pattugliamento quando hanno visto una colonna di fumo levarsi dal centro di compostaggio (ex discarica di r.s.u.) di c.da Pozzo Bollente, nel Ragusano. Sono stati sul posto immediatamente ed hanno trovato all’interno della recinzione una ruspa e un escavatore cingolati con le fiamme che si levavano dalle rispettive cabine.

Sul posto c’era il custode dell’impianto che riferiva di essersi svegliato per un botto sentito e che si era accorto da poco di quanto accaduto. I Vigili del Fuoco hanno domato le fiamme, ma mezzi sono fuori uso. Sul posto, assieme alla Polizia Scientifica per i rilievi sono giunti i poliziotti del Commissariato di Vittoria e della Squadra Mobile di Ragusa per le indagini.

I mezzi sono di proprietà di una ditta della provincia di Agrigento che ha ottenuto l’appalto per la risistemazione e recupero definitivo della discarica che ha già cessato la sua attività da qualche anno perché satura. Si tratta di un appalto per dei lavori del valore consistente, 850.000 euro circa. La ditta appaltatrice appena ieri mattina aveva trasferito i primi mezzi da Agrigento al sito di contrada Pozzo Bollente per iniziare i lavori stamane. In meno di 24 ore è arrivato questo chiaro segno intimidatorio, non essendoci dubbi sulla matrice dolosa dell’incendio. Le indagini sono state avviate immediatamente e sono in corso le audizioni dei titolari della ditta ed altre persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sfonda il tetto del capannone e precipita da più di 10 metri: 29enne in gravi condizioni

  • Trova cellulare e lo consegna al Comune, finisce a processo per ricettazione: assolto

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • Chiusero una veranda con vetri scorrevoli, il Tar: "Non è abuso, non produce volume"

  • La campionessa Federica Pellegrini sceglie borse made in Ravanusa

  • Maxi tamponamento lungo la statale 640: traffico in tilt

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento