L'ex imprenditore è sparito nel nulla, ricerche incessanti a Lampedusa: in volo anche dei droni

Le operazioni sono coordinate dai vigili del fuoco: i cani molecolari hanno agito anche nella parte montagnosa dell'isola

Vigili del fuoco al lavoro

Altra giornata di incessanti ricerche a Lampedusa. Giuseppe Pezzino, imprenditore scomparso da tre giorni, non si trova più. Dell’uomo, che l’ultima volta è stato avvistato nei pressi del faro, non si hanno più notizie.

L'imprenditore non si trova, Lampedusa al setaccio: arrivano i cani molecolari

Incessante il lavoro dei vigili del fuoco, che in queste ore, stanno coordinando le ricerche dell’ex imprenditore campano. In campo, anche i cani molecolari dei vigili del fuoco. Sono ore di grande angoscia e apprensione per la famiglia dell’ex imprenditore, oggi pensionato.

Giuseppe Pezzino non si trova, proseguono senza sosta le ricerche

Sull’isola i vigili del fuoco stanno operando con personale Tas (topografia applicata al soccorso, unità cinofile e personale nucleo Sapr. In volo anche dei droni, tre in tutto, coordinati da una squadra del distaccamento terrestre dei pompieri di Lampedusa.

Nulla, nessun angolo, nessun dettaglio, è stato lasciato al caso. I cani sono stati guidati con sapienza, ed hanno agito nelle montagne dell’isola più grande delle Pelagie. E’ il terzo giorno senza avere notizie di Salvatore Pezzino.  L’uomo, ex imprenditore tessile, non si trova più.

safe_image-14

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento