Troppi impiegati comunali, Rete 4 ancora a Comitini: i cittadini però non ci stanno

I residenti non hanno accettato l'ennesima "invasione" di una trasmissione televisiva

Una veduta di Comitini

Ancora una volta le telecamere di Rete 4 arrivano a Comitini, con il programma "Dalla vostra parte" intervenuto già lo scorso anno, nel piccolo paese della provincia agrigentina. Tema affrontato è sempre quello dei dipendenti pubblici, più di 60 nel paese amministrato dal sindaco Nino Contino, dipendenti che hanno dovuto rispondere alle domande dell'inviato riguardanti la loro preparazione su cultura generale. L'inviato non è però stato ben accolto da coloro che in quel momento si trovavano all'interno degli uffici comunali, dipendenti e dirigenti, che hanno sbattuto la porta in faccia alle telecamere della trasmissione condotta da Maurizio Belpietro. 

Anche nella piazza del paese l'inviato non è stato accolto nel migliore dei modi, i vigili non hanno voluto rispondere alle domande di cultura generale, mentre solo una persona, nel video poi mostrato in studio, ha risposto alle domande sul numero dei dipendenti, contraddicendo comunque quanto detto dal giornalista.

Per l'ennesima "invasione" da parte di una trasmissione televisiva i cittadini però non sono affatto contenti, tanto che in molti hanno espresso tutto il loro malumore su Facebook, scrivendo parole di biasimo per la trasmissione televisiva. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento