Chiude l'impianto della Raco, nuovi disagi per la raccolta dell'umido

Domani si dovrà saltare un turno, ed è un serio problema dato che molti dovranno smaltire i rifiuti prodotti a Ferragosto

Impianto di conferimento chiuso, salta ancora una volta il conferimento dell'umido. A dare l'annuncio, loro malgrado, il sindaco Lillo Firetto e l'assessore all'Ecologia, Nello Hamel.

"Questa grave disfunzione - si apprestano a precisare - interessa quasi tutti i comuni della provincia di Agrigento e molti paesi da oltre 20 giorni non riescono a smaltire l'umido. La città di Agrigento grazie ad una serie di interventi mirati  - continuano -, è riuscita fino ad oggi a svolgere il servizio e solamente domani, per questa causa di forza maggiore, invita i cittadini a non esporre i mastelli dell'umido rinviando la raccolta al prossimo lunedì. Ancora una volta la città di Agrigento subisce la grave crisi della mancanza di impianti e l'amministrazione comunale esprime la propria rabbia per questa grave anomalia del sistema di smaltimento dei rifiuti sollecitando la regione siciliana e tutti gli enti preposti ad attivare soluzioni alternative per lo smaltimento dell'organico anche attraverso impianti mobili e straordinarii".

Per questo il sindaco e l'assessore all'ecologia chiedono quindi il sacrificio e la collaborazione dei cittadini, nella certezza di avere attivato ogni iniziativa possibile per la soluzione del problema con il risultato di avere limitato la crisi ad un solo giorno di mancata raccolta dell'organico con la possibilità di normalizzare il servizio a partire da lunedì prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento