"Esclusa illegittimamente dai fondi per realizzare un bosco", ditta riammessa dal Tar

Puntava ad ottenere un ausilio economico per la realizzazione di un impianto in contrada "Agribona"

(foto ARCHIVIO)

Ditta esclusa dalla graduatoria per accedere ai fondi necessari per realizzare un impianto boschivo in contrada "Agrabona" nel comune di Licata, il Tar ribalta tutto.

Il privato, infatti, aveva chiesto un sostegno economico per affrontare l'investimento, ma la domanda era stata esclusa per mancanza della "valutazione di incidenza ambientale". La ditta quindi proponeva ricorso al Tar con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Calogero Marino, lamentando una serie di vizi che avrebbero a suo parere invalidato il provvedimento di esclusione. Tra questi, il fatto che il progetto della ricorrente era stato corredato del parere di conformità al Piano Forestale regionale, ed il Piano forestale, a sua volta, aveva ottenuto il parere favorevole alla Valutazione di Incidenza Ambientale, "e quindi - sostengono i legali - non occorreva una nuova valutazione ambientale relativa ai progetti presentati".

Il Tar Sicilia, Palermo, Sezione Prima, ritenendo fondate le censure formulate dagli avvocati Rubino e Marino ha accolto il ricorso, annullando il provvedimento impugnato e ha condannato l'Assessorato resistente al pagamento delle spese di giudizio. La ditta verrà quindi riammessa in graduatoria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

  • Crolla cornicione di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate famiglie e sequestrata l'area

  • Alfa Romeo si schianta contro la rotonda degli Scrittori: un 30enne è in gravi condizioni

  • Viene colto da un malore mentre è alla guida: auto contro un palo, muore pensionato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento